Miur: “si” all’autonomia per 25 scuole di specializzazione del San Raffaele

Schermata 2013-05-16 a 15.08.40

Autonomia per il bando delle scuole di specializzazione dell’Università Vita Salute San Raffaele per l’anno accademico 2012/2013. Lo prevede il nuovo decreto del Miur dopo l’atto d’intesa sottoscritto il 10 maggio scorso tra l’Associazione Monte Tabor, l’Università Vita Salute San Raffaele, l’Ospedale San Raffaele S.r.l (IRCCS) alla presenza del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza.

Le scuole di specializzazione Vita Salute San Raffaele erano aggregate, con il decreto del 24 aprile 2013 n.333, all’Università di Milano e di Milano Bicocca.

Il nuovo decreto 393 prevede che il bando di concorso per le scuole di specializzazione dell’Università Vita Salute San Raffaele, sia pubblicato entro il 17 maggio 2013 e contestualmente adeguato anche il Bando delle Università di Milano e Milano Bicocca.

 Le altre università italiane che hanno già pubblicato il bando come sedi amministrative per le scuole di specializzazione coinvolte, dovranno adeguare i bandi alle nuove date fissate per le prove scritte relative alle 25 scuole di specializzazione interessate dal decreto odierno.

 

Le nuove date per le prove scritte di queste scuole sono:

17 luglio (scuole di area medica),

18 luglio (scuole di area chirurgica),

19 luglio (scuole dell’area dei servizi),

con inizio delle attività didattiche fissato per il giorno 8 agosto 2013.

 

Resta fermo, per le altre scuole di specializzazione non interessate dal decreto pubblicato oggi, quanto previsto da quello del 24 aprile 2013.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Video: Palermo, robot a scuola. I bambini: "dal vivo è meglio che nei cartoons"

Next Article

70 borse di dottorato in Toscana

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".