MIUR, al via corsi di abilitazione per 80 mila docenti precari

corsi abilitazione insegnanti

 

Prendono il via i corsi organizzati dal ministero dell’Istruzione per far abilitare all’insegnamento almeno 80mila docenti precari: il regolamento e’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrera’ in vigore dal prossimo 19 luglio.

Gli interessati avranno 30 giorni di tempo per produrre la domanda di partecipazione, utilizzando il sistema on line predisposto sempre dal Miur. Lo fa sapere l’Anief. La frequenza dei corsi, che verranno affidati alle universita’ e prenderanno il via non prima dell’autunno, permettera’ a tanti precari della scuola di aggiungere una certificazione indispensabile al fine della loro assunzione in ruolo.

Tuttavia, nota il sindacato, ”sono molti i docenti ad essere stati ingiustamente esclusi da queste procedure abilitanti: Anief annuncia sin d’ora che si battera’ a tutti i livelli perche’ si permetta loro di acquisire il titolo di abilitazione all’insegnamento”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Vip dei Cesaroni prese un diploma fasullo

Next Article

Sesso, farlo regolarmente fa sembrare più giovani

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.