Mistero all’Università di Padova: studente suicida dall’ottavo piano

studente suicida

Aveva concluso gli studi di Farmacia seguendo le orme del padre. Eppure ha deciso di togliersi la vita. Sono ancora da chiarire la cause del tragico gesto di ieri a Padova, dove R.L., 28enne padovano, è salito all’ottavo piano della Facoltà di Chimica in via Marzolo e si è lanciato nel vuoto.

A dare l’allarme è stata una studentessa, che ha visto il corpo a terra in una pozza di sangue. Erano le 18 e 30 di ieri. Nessun messaggio, nessuna lettera, nessun movente che spiegasse i motivi del gesto.

R.L. si era da poco laureato in Farmacia. Nel suo passato, però, c’è una vicenda ancora da chiarire, che risale all’agosto del 2010, quando gli agenti delle forze dell’ordine lo hanno trovato alle 4.30 del mattino nel giardino dell’ospedale col volo tumefatto.

Non si è mai capito se il giovane si fosse fatto male da solo in un incidente o se ci fosse la mano di qualcun altro. Oltre alle lesioni al volto erano presenti danni al bacino e a una vertebra.

R.L. non ha mai parlato per spiegare la vicenda. Una situazione, dunque, ancora tutta da chiarire.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Rischi emotivi sui ragazzi: telegiornali ai primi posti

Next Article

Università di Pisa, Sinistra Per esulta: "Dal 2017 arriva la nuova residenza universitaria"

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"