Ministero degli Affari Esteri: concorso pubblico per 35 giovani Segretari di Legazione

Opportunità di lavoro con il Ministero degli Affari Esteri per giovani under 35. Il MAE, infatti, ha indetto un concorso per la copertura di 35 posti per il profilo di Segretario di Legazione in prova, riservati a laureati in diverse discipline.
Nello specifico, possono candidarsi all’offerta del Ministero degli Affari Esteri i candidati in possesso di cittadinanza italiana; età non superiore ai trentacinque anni compiuti; idoneità psico-fisica tale da permettere di svolgere l’attività diplomatica sia presso l’Amministrazione centrale che in sedi estere e, in particolare, in quelle con caratteristiche di disagio; godimento dei diritti politici; non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo; non essere stati stati destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione oppure dichiarati decaduti da un impiego statale.
Requisito indispensabile è il possesso del titolo di laurea in finanza (classe n. 19/S); giurisprudenza (classe n. 22/S); relazioni internazionali (classe n. 60/S); scienze dell’economia (classe n. 64/S); scienze della politica (classe n. 70/S); scienze delle pubbliche amministrazioni (classe n. 71/S); scienze economiche per l’ambiente e la cultura (classe n. 83/S); scienze economico-aziendali (classe n. 84/S), scienze per la cooperazione allo sviluppo (classe n. 88/S); studi europei (classe n. 99/S) giurisprudenza (classe n. LMG/01); oppure il diploma di laurea in giurisprudenza; scienze politiche; scienze internazionali e diplomatiche, economia e commercio.
L’iter di selezione prevede una prima valutazione dei titoli, seguita da un test attitudinale, prove scritte ed orali. Sono previste, inoltre, prove di lingua facoltative.
La prova attitudinale consiste in un questionario di quesiti a risposta multipla, della durata di 60 minuti, riguardanti i seguenti argomenti: storia delle relazioni internazionali a partire dal congresso di Vienna; diritto internazionale pubblico e dell’Unione Europea; politica economica e cooperazione economica, commerciale e finanziaria multilaterale; lingua inglese, senza l’uso di alcun dizionario, su tematiche di attualità internazionale; test per l’accertamento della capacità di logicità del ragionamento.
Le prove scritte verteranno sulle medesime materie dell’esame attitudinale, mentre la prova orale tratterà anche le seguenti materie: diritto pubblico italiano (costituzionale e amministrativo); contabilità di Stato; nozioni istituzionali di diritto civile e diritto internazionale privato; geografia politica ed economica.
La retribuzione corrisposta ai 35 segretari di legazione in prova non è specificata nel bando, tuttavia, sul sito del MAE è pubblicata una tabella che riporta le retribuzioni diplomatiche del ministero aggiornata al 2008/2009 ma tutt’ora vigente che indica lo stipendio lordo annuo per una simile posizione (non in prova) pari a 61.698,18 euro.
La scadenza per presentare domanda è fissata al 29 febbraio 2016. Per proporre la vostra candidatura dovrete compilare l’apposito modulo online. Maggiori informazioni sul sito del MInistero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. A questo link, invece, potete scaricare il bando ufficiale per il reclutamento di 35 Segretari di Legazione.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bando PRIN 2015, numeri da record: oltre 4 mila progetti presentati

Next Article

ULTIM'ORA - Pubblicata la bozza del bando di concorso scuola 2016

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.