Milano, grosso incendio nella scuola di via Poerio: «Le aule sono in salvo»

Le fiamme forse innescate da un cortocircuito nella notte tra lunedì e martedì. Al termine di tutti gli accertamenti, la scuola è stata dichiarata inagibile

Un incendio, divampato nella notte fra lunedì e martedì, ha distrutto la segreteria e alcuni locali della scuola primaria Pisacane-Poerio, zona Porta Venezia. Stando alle prime indagini dei vigili del fuoco, il rogo avrebbe avuto origine da un cortocircuito partito da uno dei computer o da una delle prese elettriche che si trovavano nella segreteria. Le fiamme hanno divorato i mobili e gli arredi del locale, che si trova nel primo piano, per poi estendersi nel corridoio e incendiare i cavi elettrici. Il fumo che si è sprigionato ha raggiunto tutti e tre i piani, invadendo anche le aule. Fortunatamente, il fuoco non ha intaccato gli arredi didattici, ma, prima che i ragazzi possano tornare in classe, occorrerà l’adeguata bonifica, perché tutto è annerito e ricoperto di fuliggine. Inoltre, i vetri del corridoio sono andati in frantumi.

Al termine di tutti gli accertamenti, la scuola è stata dichiarata inagibile: i 658 ragazzi che la frequentano non dovranno, però, trovare posto altrove. Dato che i danni più ingenti sono limitati alla segreteria didattica e al corridoio, le imprese di pulizie già mercoledì cominceranno a lavorare per permettere il rientro a scuola. Se tutto non fosse pronto entro il 7 gennaio, i bambini faranno per qualche giorno didattica a distanza.

corriere.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio Morrione 2021: concorso per Reporter under 30

Next Article

Innovazione e sostenibilità sono la nuova scommessa dei ceo italiani

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.