Milano, città universitaria "international"

international.JPGNegli ultimi otto anni il numero degli stranieri che hanno scelto di studiare nelle università di Milano è più che raddoppiato, passando dalle 4.992 unità dell’a.a. 2001/2002 alle 11.727 del 2007/2008. È quanto è emerso dalla ricerca Milan international students, realizzata dalla Fondazione Rui per il comune di Milano e presentata dall’assessore alle Aree cittadine e ai Consigli di zona Andrea Mascaretti e dalla ricercatrice Rui Maria Cinque.
Trend positivo. Ha trainato l’aumento, si legge nella ricerca, la forte crescita degli studenti cinesi e il raddoppio dagli stranieri che si sono iscritti direttamente alle università milanesi (nel 2007/08 il 6.1% sul totale degli iscritti negli atenei rispetto al 2.9% nel 2001/02). Resta stabile intorno al 33% invece la quota degli studenti coinvolti in scambi internazionali come il progetto Erasmus. Il 29% degli studenti stranieri ha scelto Milano per studiare economia, il 14% architettura mentre il 9.5% ingegneria. In particolare è straniero il 15.9% degli studenti della Bocconi (4.9% nel 2001/02) e l’8.4% del Politecnico.
Cinesi, crescita esponenziale. Per quanto riguarda la provenienza, sono in forte aumento gli studenti cinesi, passati in otto anni dall’1% al 7% del totale. Cresce anche la presenza di iraniani (4%) e peruviani (5%). Cala invece la presenza di studenti europei, che rimangono la maggioranza (53.7%). E l’Albania è il Paese europeo più presente a Milano, con il 18% sul totale degli studenti. «Dobbiamo lavorare – ha detto Mascaretti -per rendere Milano ancora più accogliente. In particolare il comune sta portando avanti il progetto “One dream one city”, per offrire a giovani talenti internazionali la possibilità di svolgere un percorso formativo in città».

Anna Di Russo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'Emea cerca profili da impiegare su Londra

Next Article

Giappone, i manga si studiano all'università

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.