Milano capitale delle biotecnologie

biotech.jpgUna kermesse di tre giorni – iniziata ieri e che si concluderà domani – presso FieraMilanoCity: oltre 1.500 partecipanti, a rappresentare 935 industrie biotecnologiche attive in 43 Paesi del mondo. Sono questi i numeri di Bio-Europe Spring 2009 che – dopo il successo della prima edizione meneghina (nel 2007) – torna nel capoluogo lombardo trasformandolo nella capitale europea del biotech. La manifestazione, fortemente voluta dal sindaco Letizia Moratti, è stata sostenuta dal Comune di Milano (con un finanziamento pari a 400 mila euro), dalla Provincia, dalla Regione Lombardia e dalla Camera di Commercio cittadina. E ha attirato una platea del 30% più ampia rispetto all’edizione del 2007.
«Per la prima volta – spiega Luigi Rossi Bernardi, assessore all’Innovazione, ricerca e capitale umano del Comune di Milano – quest’anno tutte le università e i centri di ricerca italiani sono stati invitati a presentare a Bio-Europe Spring 2009 i loro progetti più promettenti di sviluppo commerciale», per sottoporli «ad una platea di operatori e di finanziatori difficilmente contattabili in altre occasioni»: tutti possibili partner da ‘agganciare’ per il futuro.
«Nonostante la presenza di ricercatori di altissimo livello», riflette l’assessore, il biotech in Italia «soffre per i forti ritardi accumulati nell’erogazione di fondi già stanziati a livello pubblico» e per «la pratica inesistenza di investitori privati», dice. «I fondi previsti (30% pubblici e 70% privati) dai grandi progetti strategici varati dall’allora ministro Moratti, di cui due rispettivamente nel settore farmaceutico e delle scienze della vita, già 4 anni fa – ricorda – non sono ancora stati erogati per le difficoltà burocratiche legate all’utilizzo dei fondi pubblici che a loro volta bloccano i forti investimenti privati previsti», osserva.
«I numeri fotografano una realtà rosea, ma il ciclo positivo è durato fino al settembre dell’anno scorso e sicuramente nel 2009 la contrazione sarà forte». È il commento di Sergio Dompè, presidente di Farmindustria, secondo cui – però – il sistema delle aziende italiane di biotecnologia ha ottime potenzialità: «Con un indice di specializzazione in malattie rare pari al 10,4%, cosa che ci mette davanti a Giappone (9%), Francia (8,6%), Germania (8,3) e Usa (7,3)».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

[email protected]: al via la nuova piattaforma

Next Article

Informatici su Bologna per Injenia

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).