Migrazioni e diritti dei migranti: l’ Università di Siena partecipa al progetto REMOVE

Il Gruppo di ricerca sul diritto pubblico europeo e comparato – DIPEC dell’Università di Siena ha partecipato al lancio del progetto europeo REMOVE sulle migrazioni.

La sfida delle migrazioni, in Europa e in America latina, è stata al centro del primo incontro in presenza del Progetto “REMOVE – Repensando la migración desde la frontera de Venezuela”, che si è svolto a Cucuta, città della Colombia al confine con il Venezuela, il 2 e 3 dicembre scorsi.

REMOVE è un programma di sviluppo finanziato dall’Unione Europea nel quadro delle azioni Erasmus “Cooperation for innovation and the exchange of good practices. Capacity Building in the field of higher education”.

L’Università di Siena partecipa al progetto tramite il Gruppo di ricerca sul diritto pubblico europeo e comparato – DIPEC, sotto la guida della professoressa Elena Bindi.

Il progetto mira principalmente a sviluppare un’offerta formativa interculturale e inclusiva che promuove la creazione di un quadro giuridico comune all’interno della Comunità andina a tutela dei diritti dei migranti.

Fanno parte di REMOVE, coordinato dall’Università di Bologna, le Università europee di Cadiz, Castilla La Mancha e Science Po-Paris e le Università latinoamericane del Rosario, Libre (Colombia), UASB, FLACSO (Equador), Nacional de Trujillo e PUCP (Perù).

Total
6
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Corso-concorso di formazione dirigenziale al Ministero della Cultura

Next Article

"Genitori, vaccinate i vostri bambini contro il COVID, non è troppo presto" l'appello dei pediatri

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.