Merito, a che punto è la riforma

«Gli interventi sul merito saranno complementari a quelli sulla scuola e sull’università». Francesco Profumo in questi giorni sta cercando di riportare l’attenzione della stampa e dei media un po’ più sui dati e un po’ meno sulle sensazioni.

«Gli interventi sul merito saranno complementari a quelli sulla scuola e sull’università». Francesco Profumo in questi giorni sta cercando di riportare l’attenzione della stampa e dei media un po’ più sui dati e un po’ meno sulle sensazioni. Per questo il ministro ha sottolineato che «la bozza di decreto contenente norme sulla scuola, università e ricerca che è circolata in questi giorni non ha nulla a che vedere con la soluzione» 

Ad augurarselo sono in molti, perché il pacchetto merito ha già molti detrattori. Tra i primi ad aprire un dibattito sulle pagine di Repubblica è stato Alberto Asor Rosa, che ha invitato ad una «riflessione sul significato di merito e sul senso stesso della competizione nel processo formativo». Il suggerimento che viene dato è quello di seguire di meno il criterio economico di monetizzare il valore e di puntare a ridurre drasticamente il numero di abbandoni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gi Group, 150 figure nel calzaturiero

Next Article

Aperte le iscrizioni a Start Cup Umbria 2012, fino al 15 luglio le candidature

Related Posts
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".