Gi Group, 150 figure nel calzaturiero

Sono quasi 150 le figure professionali che la Divisione Fashion&Luxury di Gi Group sta attualmente ricercando per marchi di lusso che operano in ambito calzaturiero.

Sono quasi 150 le figure professionali che la Divisione Fashion&Luxury di Gi Group, la più grande agenzia italiana per il lavoro, sta attualmente ricercando per marchi di lusso che operano in ambito calzaturiero a Empoli, Fermo, Pistoia, Pontedera, Macerata, Firenze e Mirano, dagli addetti al finissaggio agli operatori CAD-CAM, dagli addetti alla chiusura fianchi agli addetti allo stampaggio delle suole.

«Il calzaturiero è uno dei settori del made in Italy che, nonostante la crisi economica, sta vivendo una situazione abbastanza favorevole, supportata dall’export. Nei primi nove mesi dell’anno 2011, infatti, si è registrato un aumento delle esportazioni pari al 6,2% in volume e al 14% in valore e un conseguente incremento positivo del saldo commerciale netto pari al 18,1%», afferma Cristina Lodi, Fashion & Luxury Division Manager di Gi Group. «Questo nuovo impulso di crescita si è trasformato in un rafforzamento delle tendenze positive dell’occupazione, che ha registrato nel 2011 un incremento medio dell’1% e sembra in consolidamento in questo inizio di 2012. Pertanto, la nostra Divisione si sta occupando di selezionare nuovi profili da inserire nel comparto, in vista della produzione delle calzature invernali, che parte proprio nel mese di giugno e che impegnerà le aziende nel corso di tutta l’estate».

Le ricerche aperte fanno riferimento ad opportunità da svolgere per marchi del lusso che operano nell’ambito calzaturiero, ma anche nell’indotto per aziende che lavorano nella realizzazione di suole, solette, forme, etichette ed elementi ornamentali.

Di seguito, le cinque professioni più ricercate:

•          Operatore CAD-CAM: è addetto alle macchine da taglio, si occupa della produzione e del campionario oltre che della preparazione dei materiali, della gestione degli scarti e del controllo della qualità dei vari tipi di pellame.

•          Montatore calzaturiero: è addetto al pre-montaggio della calzatura, tramite la preparazione di appositi macchinari (forno preumidificatore, macchina premonta) in funzione della forma e del materiale di realizzazione della tomaia. Ciò permette, sostanzialmente, che la tomaia prenda la forma impressa e che la soletta vi si saldi termicamente.

•          Addetto alla calzera (o monta fianchi): utilizzando un apposito macchinario, si occupa di completare l’operazione di montaggio della tomaia alla forma nelle parti laterali.

•          Addetto alla sfibratura: manualmente o attraverso un’apposita macchina, si occupa di asportare lo strato superficiale della tomaia ripiegata sotto la soletta creando un’area ruvida su cui i collanti hanno maggiore presa, evitando che lo spessore sia eccessivo; fase questa molto delicata che richiede massima precisione.

•          Addetto al finissaggio: dopo aver visionato la documentazione tecnica di accompagnamento al modello, si occupa di ripulire il prodotto finito, realizzando le diverse operazioni di finitura (pulitura, rifinitura, stiro, spazzolatura, lucidatura, inforcatura, carteccio, tinteggiatura) tramite solventi e pomate. Fa un primo controllo qualità e, in alcuni casi, inscatola il prodotto.

I candidati selezionati verranno assunti direttamente dall’azienda o con contratto di somministrazione finalizzato all’assunzione. Le candidature possono essere inviate a [email protected] indicando nell’oggetto dell’e-mail la posizione per cui ci si propone.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un gesto dimostrativo contro il Tribunale, così è morta di Melissa

Next Article

Merito, a che punto è la riforma

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.