Mente e giustizia

Gli uomini sono più aggressivi rispetto alle donne? Ricerca europea rivela che le reazioni umane rispetto alle ingiustizie si producono in modo automatico, dovuto all’attività dell’amigdala (l’area cerebrale deputata alle emozioni).

Ricerca europea rivela che le reazioni umane rispetto alle ingiustizie si producono in modo automatico, dovuto all’attività dell’amigdala (l’area cerebrale deputata alle emozioni). Gli uomini sembrano mostrare una maggiore aggressività rispetto alle donne.

Lo studio è stato guidato dal prof.  Katarina Gospic  del  Dipartimento di Neuroscienze cliniche del  Karolinska Institute di Stoccolma.

I ricercatori hanno sperimentato questo senso di giustizia tra 35 giocatori ai quali hanno misurato l’attività cerebrale, mediante la risonanza magnetica funzionale fMRI).-tecnica di imaging biomedico non-invasiva che fornisce una mappa delle aree cerebrali che si attivano durante l’esecuzione di un determinato compito, come parlare o muovere una mano- Un giocatore propone una somma di denaro da condividere ad un altro giocatore.

Quest’ultimo può accettare o rifiutare i soldi: se la spartizione di 100 corone, avviene in modo “ingiusto” per esempio 80- 20, il giocatore rifiuterà l’offerta, preferendo non ricevere nulla. La risonanza ha rivelato che l’area del cervello incaricata di controllare le decisioni finanziarie si trova nell’amigdala e non nella corteccia prefrontale e insulare come suggerivano studi precedenti. Questa regione cerebrale che regola le emozioni di ira e paura, reagisce rispetto alle ingiustizie.

La reazione aggressiva rispetto al giocatore che propone la divisione monetaria iniqua, è provocata da un aumento dell’attività cerebrale. Reazione non palesata, se ai giocatori viene somministrato un tranquillizzante anti-ansia (benzodiazepina). “I risultati potrebbe avere implicazioni etiche poiché l’uso di certi medicinali influisce direttamente nelle decisioni quotidiane” dichiara Martin Ingvar, tra gli autori e ricercatori dello studio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Professione giornalista

Next Article

La casa del giornalista

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"