Meningite, 230 tra bambini e personale in profilassi: 3 istituti coinvolti

Il quadro allarmante di una bidella ricoverata in terapia intensiva, e il piano sanitario esteso a tutti i potenziali contatti
E’ scattato un piano di allerta sanitario progressivo, man mano che le informazioni mediche emergevano dalle strutture sanitarie e la macchina della prevenzione riusciva a coordinarsi. Così appreso che la diagnosi di meningite meningococcica di una bidella cinquantenne ricoverata venerdì sera a Umbertide e poi trasferita a Città di Castello era «grave», la Asl ha fatto scattare il piano sanitario coinvolgendo la direzione scolastica, il personale medico, il sindaco e l’assessore di riferimento, i vigili urbani e predisponendo la profilassi per 230 persone. Si tratta prevalentemente dei bambini che frequentano gli istituti in cui opera l’operatrice scolastica e cioè la scuola elementare G. di Vittorio di Umbertide e le strutture delle frazioni di Montecastelli e Verna, ma anche di personale sanitario che è intervenuto per la salute della 50enne e personale scolastico.
La donna è ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Città di Castello, la prognosi è riservata e le sue condizioni sono considerate gravi. Per i circa 230 soggetti che potrebbero essere stati in contatto con la paziente è stata predisposta una profilassi antibiotica che è stata estesa anche ai familiari dei bambini di alcune classi della Di Vittorio, dell’elementare di Verna e della materna di Montecastelli e le prime classi della Di Vittorio. Le operazioni sono coordinate dal centro San Francesco, mentre all’istituto Di Vittorio è stato allestito un punto di informazione predisposto dalla Asl.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, pubblicata la circolare sulle simulazioni delle prove. Prima ‘tappa’ il 19 febbraio, con italiano

Next Article

Diabete, nasce la prima pillola di insulina

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident