Medicina, ecco le novità: arriva un test autovalutativo a scuola

“Nei prossimi mesi – annuncia il ministro – sarà diffuso un test autovalutativo per le classi dell’ultimo anno che servirà agli studenti per essere più consapevoli”. Ecco la novità per gli studenti che hanno intenzione di iscriversi e di partecipare al test di Medicina. Ad annunciarlo è il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, nel corso dell’audizione di ieri in Commissione Istruzione a Palazzo Madama.
Sono due le novità principali per quanto riguarda l’organizzazione dei test: in primo luogo la possibilità di svolgere un test autovalutativo direttamente a scuola, per essere più consapevoli nei confronti della propria preparazione e della difficoltà della prova. Ma anche per evitare il salto nel vuoto che ha provocato una vera e propria bolla di iscritti a Medicina.
La seconda novità riguarda direttamente gli Atenei, che avranno la possibilità di organizzare in sede, anche durante i mesi estivi, dei corsi di preparazione al test. Insomma, più orientamento prima del test, per evitare quella che è la criticità fondamentale nel percorso di medicina: l’accesso alle facoltà, che si traduce anche nell’accesso dei laureati alle scuole di specializzazione.
Novità all’orizzonte anche per quanto riguarda le domande di cultura generale: “Si sta cercando di perfezionare il numero di domande del quiz relative alla cultura generale e per questo è stata nominata una commissione ad hoc” – ha spiegato il ministro. La commissione si riunirà il prossimo 6 maggio e, in tempi brevi, darà i suoi risultati.
Gli studenti, dal canto loro, lamentano ancora una mancanza di chiarezza da parte del Ministero per le prove in programma il prossimo 8 settembre. Nei giorni scorsi è arrivata la protesta dell’UDU, l’Unione degli Universitari, che avvertiva: “Da mesi aspettiamo che il MIUR faccia chiarezza sui test a numero chiuso”. Meglio evitare che si ripeta la lotteria dell’anno scorso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Assunzioni Miur: 5.000 posti disponibili nella scuola dell'infanzia

Next Article

Giuseppe, tornare sui banchi di scuola a 86 anni

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".