Da Ippocrate al supermarket

farmaci.jpgIl fondatore di Emergency Gino Strada non usa mezzi termini per descrivere la parabola discendente compiuta dalla scienza medica: “La medicina negli ultimi anni si è allontanata dalle sue origini, trasformandosi sempre più in una merce da bancale del supermercato”. Lo ha detto oggi a Milano, intervenendo alla presentazione del movimento “Science for peace” voluto dall’oncologo Umberto Veronesi.
“La medicina è un elemento importante della scienza – ha detto Strada – e credo che la scienza medica abbia bisogno di fare una profonda riflessione di questi tempi. Negli ultimi decenni è stato cambiato il senso della medicina, dopo che la sua funzione è rimasta immutata per centinaia di anni. È stata trasformata in merce da bancale del supermercato. Il nodo da sciogliere è capire come la scienza possa diventare un mezzo di pace ed essere completamente svincolata dal profitto, perché credo che abbia la possibilità di aiutare i Paesi ancora disagiati o con condizioni sanitarie drammatiche. Ma non sono così convinto che la scienza sia automaticamente pacificatrice”.
Alla domanda sul ruolo che ha avuto la scienza negli anni nella costruzione di armi e nell’incentivare le guerre, Veronesi ha risposto che “spesso si fa confusione tra scienza e tecnologia. La scienza è il desiderio delle persone che vogliono raggiungere la conoscenza, ricercare la verità, e ha valori di universalità e valori civilizzatori. La tecnologia invece risponde al mercato e al desiderio, ma per entrare nel mercato non ha l’avallo del mondo scientifico”.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

“Salviamo insieme l’Umberto I”

Next Article

Roma Tre, al via "m'imprendo"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".