Max si risveglia dopo 10 anni: “E’ sempre stato cosciente”

disabile

Una mamma contro tutti. Non ha voluto mancare nessuno alla festa per Massimiliano, giovane figlio della famiglia milanese Tresoldi che ha lottato per 10 anni con tutte le sue forze pur di restargli accanto.

Massimiliano è rimasto coinvolto in un grave incidente stradale al ritorno dalle vacanze estive di quindici anni fa. I medici furono categorici: “Non ce la farà”. Mamma Lucrezia, però, non si è arresa: “L’hanno dato subito per spacciato, facendoci contare le ore – ha detto la madre al Mattino -, e in quello stato è rimasto, senza mai dar segni di ripresa, per otto mesi, passando da un ospedale all’altro. Alla fine ho capito che lì, isolato, sarebbe morto veramente. E me lo sono portato a casa sentendomi dire dal viceprimario, mentre gli staccavo il sondino naso-gastrico, che se fosse deceduto io sarei stata denunciata. Non me ne importò nulla. Andai avanti per la mia strada, appellandomi ai suoi amici, alla parrocchia, ai volontari del servizio civile del Comune”.

Mamma Lucrezia e papà Ernesto si prendono cura di Massimiliano per tutto il tempo. Ma è dura. Molti la prendono per pazza, tanti le dicono di lasciar perdere. Il 28 dicembre del 2000 Lucrezia getta la spugna: “Fattelo tu, se vuoi, il segno della croce” dice provocatoriamente al figlio. E Massimiliano lo fa. Per la prima volta riesce a compiere un gesto volontario completo.

Da lì, la rinascita, la verità: Massimiliano, in quei 10 anni, capiva tutto, i messaggi d’affetto dei genitori, le canzoni messe per farlo stare meglio, le parole degli amici intorno a lui.

Oggi, con l’aiuto di una logopedista, Max sta tornando alla quotidianità. Ama la vita più di prima. L’avevano dato per spacciato ma lui è ancora qui. Grazie alla determinazione della famiglia e della madre, che non hanno mai smesso di crederci, e grazie agli amici, tutti tra i 20 e i 21 anni, che, in silenzio, lo hanno accudito e hanno scherzato con lui per 10 lunghi anni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studentessa di filosofia ma anche ballerina di danza acrobatica aerea

Next Article

Troppo porno, troppo sangue. Ai giovani Ue non piace youtube

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.