Prova orale: le dritte per affrontarla al meglio!

È quella più temuta dagli studenti: è l’inizio e la fine, l’ultimo ostacolo prima del diploma, il primo momento di crescita di fronte a una commissione esaminatrice. Ma come affrontarla?
prima prova maturità

È quella più temuta dagli studenti: è l’inizio e la fine, l’ultimo ostacolo prima del diploma, il primo momento di crescita di fronte a una commissione esaminatrice. Ma come affrontarla?

Dopo la terza prova, non resta che affrontare l’esame più duro: l’orale. Ma come dimostrare ai commissari esterni e agli insegnanti interni la propria preparazione? Partiamo dalle questione più pratiche che abbiamo ben sintetizzato nella nostra Guida alla Maturità.

Il punteggio massimo da ottenere alla prova orale è 30: la sufficienza arriva con 20 punti. Tuttavia va precisato che ci sono alcuni casi in cui i professori, nell’assegnazione del punteggio totale della prova orale, vanno anche al di sotto della soglia dei 20. Questo perché non esiste, a oggi, un voto minimo. Non stiamo parlando di bocciatura assicurata, perché il tutto va comunque sommato al punteggio ottenuto nelle prove scritte, ma va fatta grande attenzione.

La prima e unica domanda degli studenti è quella sul tempo: quanto durerà la prova orale? Ebbene, ragazzi, anche in questo caso non esiste una risposta precisa. In me- dia, infatti, il colloquio può durare circa 40 minuti, ma ci sono casi in cui si è andati oltre, come casi in cui è durato molto meno. Il consiglio è quello di prepararsi un discorso, dimostrandosi pronti se il colloquio durerà più o meno del previsto.

Non lasciatevi paralizzare dalla tensione! Ricordate un aspetto fondamentale: la prova orale comincia con una carta proprio a vostro favore. Il colloquio, infatti, prende il via da un vostro lavoro. La tesina è un’arma a vostro vantaggio. Di solito la commissione concede al candidato un tempo compreso tra i 10 e i 15 minuti per presentare il proprio lavoro prima di passare alle domande. Ecco: dimostratevi sicuri di voi, capaci e pronti di saltare da un argomento all’altro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di lunedì 27 giugno

Next Article

Tesina, come giocarsi le carte migliori

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.