Maturità o terno al lotto?

Per 7 studenti su 10 gli Esami di Stato non valutano la reale preparazione dei ragazzi

«L’esame di maturità è in grado di valutare l’effettiva preparazione degli studenti?». La risposta è no per sette studenti su dieci. E’ quanto emerge da un’inchiesta realizzata da Il Corriere dell’Università Job a circa un mese dagli Esami di Stato.

Sui 635 giovani maturandi intervistati, il 33% ritiene che gli esami, così come sono organizzati oggi, non abbiano senso e la spiegazione è semplice: ogni scuola, o classe, svolge un programma differente dall’altra.

Altissima (38%) anche la percentuale di chi è convinto che in quei giorni conterà soprattutto la fortuna. «Diciamo la verità: se uno ha studiato non deve temere nulla» è una frase saggia e veritiera per il 15% appena dei ragazzi. Non mancano poi gli indecisi: il 14%.

L’inchiesta completa sarà disponibile all’interno de La Guida edizione 2012, distribuita gratuitamente in tutte le scuole d’Italia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Non si può morire entrando a scuola, l'appello dell'Udu

Next Article

Il Corriere dell'Università cerca nuovi giornalisti

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".