Maturità o terno al lotto?

Per 7 studenti su 10 gli Esami di Stato non valutano la reale preparazione dei ragazzi

«L’esame di maturità è in grado di valutare l’effettiva preparazione degli studenti?». La risposta è no per sette studenti su dieci. E’ quanto emerge da un’inchiesta realizzata da Il Corriere dell’Università Job a circa un mese dagli Esami di Stato.

Sui 635 giovani maturandi intervistati, il 33% ritiene che gli esami, così come sono organizzati oggi, non abbiano senso e la spiegazione è semplice: ogni scuola, o classe, svolge un programma differente dall’altra.

Altissima (38%) anche la percentuale di chi è convinto che in quei giorni conterà soprattutto la fortuna. «Diciamo la verità: se uno ha studiato non deve temere nulla» è una frase saggia e veritiera per il 15% appena dei ragazzi. Non mancano poi gli indecisi: il 14%.

L’inchiesta completa sarà disponibile all’interno de La Guida edizione 2012, distribuita gratuitamente in tutte le scuole d’Italia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Non si può morire entrando a scuola, l'appello dell'Udu

Next Article

Il Corriere dell'Università cerca nuovi giornalisti

Related Posts
Leggi di più

Scuole occupate, nessuna retromarcia sulle sanzioni agli studenti: “Ci sono 500mila euro di danni. Qualcuno deve pagarli”

Il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio, Rocco Pinneri, conferma la linea dura sulle denunce (e richiesta di risarcimento dei danni) nei confronti degli studenti che prima di Natale avevano occupato diversi istituti. "Una cosa è manifestare democraticamente, un'altra violare il diritto all'istruzione" ha detto. Oggi nuovo incontro con il movimento de "La Lupa".
Leggi di più

Covid, in arrivo nuove regole a scuola: Ffp2 gratis per gli studenti in autosorveglianza e stop ai certificati medici per tornare in classe

In arrivo un nuovo decreto per cercare di semplificare e uniformare le regole sui contagi a scuola. Si cercherà di alleggerire il carico dei tamponi sia alle famiglie che alle Asl abolendo l'obbligo, oggi in vigore per le scuole primarie, quando c'è soltanto un caso positivo nel gruppo classe. E alle superiori per tornare in classe non servirà più il certificato medico ma solo un tampone rapido.