Maturità, in 500mila tra i banchi

Prova per quasi 500mila studenti. E’ questo il dato della maturità 2012 che in queste ore vede lo svolgimento della prova comune di italiano. Tra ansie, paure e soddisfazioni migliaia di giovani stanno per affacciarsi al mondo degli adulti.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE TUTTE LE TRACCE

Prova per quasi 500mila studenti. E’ questo il dato della maturità 2012 che in queste ore vede lo svolgimento della prova comune di italiano. Tra ansie, paure e soddisfazioni migliaia di giovani stanno per affacciarsi al mondo degli adulti. “La notte prima degli esami si è chiusa – ha dichiarato Profumo in collegamento con SkyTg24 – siete tutti pronti alla partenza, io credo che abbiate fatto un ottimo lavoro. Oggi dovete avere fiducia, passione e futuro per affrontare il primo esame della vostra vita. In bocca al lupo a tutti“.

ANALISI DEL TESTO. Eugenio Montale torna alla carica dopo quatto anni. «Ammazzare il tempo» è il testo preso in esame tratto da «Auto da fè. Cronache in due tempi» del 1966.

ATTUALITA’. Un ricordo per i personaggi scomparsi prematuramente.

TEMA SCIENTIFICO. Le responsabilità della scienza e della tecnologia . Il tema scientifico di questa maturità parte da una frase di Hans Jonas “il principio responsabilità. Un’etica per la civiltà tecnologica” e punta alla valutazione del rapporto fra la scienza e la responsabilità attraverso brani di Primo Levi, Sciascia e la Hack

TEMA SULLA CRISI. Giovani e crisi: fra gli allegati un testo su Steve Jobs

TEMA STORICO. Lo sterminio nazista

SAGGIO BREVE STORICO-POLITICO. Bene individuale e bene comune è la traccia, tra gli allegati testi di D’Aquino e Rousseau

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Soluzioni giovani per cibo sostenibile

Next Article

Bufale da maturità: né Simoncelli né Amy Winehouse

Related Posts
Leggi di più

Milano, supplenti rifiutano l’incarico: è emergenza

Per asili ed elementari è scattata la chiamata diretta dai presidi. Alle scuole secondarie superiori i problemi maggiori, con rinunce anche all’ultimo minuto. La scuola non è più sempre di più un parcheggio lavorativo?