Maturità 2022, per il ministro Bianchi è un ritorno alle normalità: “Cari ragazzi non abbiate paura di non farcela”

Pubblicata sul sito del Ministero dell’Istruzione l’ordinanza per gli esami di maturità. Unica novità rispetto alla bozza circolata nei mesi scorsi è il diverso punteggio attribuito alle tre prove: quella di Italiano peserà fino a 15 punti, la seconda prova scritta 10 e il colloquio orale fino a 25.

“Abbiamo lavorato ai testi tenendo fermo un punto: siamo nelle condizioni di tornare progressivamente alla normalità”. È quanto ha dichiarato il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi a proposito delle ordinanze per gli esami di maturità e di terza media firmate oggi e che quindi danno il via libera all’esame di Stato che per i ragazzi dell’ultimo anno delle scuole superiori comincerà il prossimo 22 giugno.

Non siamo ancora fuori dalla pandemia, dobbiamo ricordarcelo, ma quest’anno, grazie ai vaccini e alle misure di sicurezza decise dal governo, abbiamo garantito la continuità della scuola in presenza, fin dal primo giorno. Abbiamo tenuto conto degli ultimi due anni vissuti dai nostri ragazzi – ha proseguito Bianchi – Studentesse e studenti non devono avere paura di non farcela. Continueremo a sostenere le scuole, le ragazze e i ragazzi, accompagnandoli verso questo traguardo con tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

Le ordinanze sono pubblicate sul sito del Ministero sono state inviate alle scuole. Sono state illustrate alle organizzazioni sindacali e sottoposte al parere del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione. Sono poi state successivamente inviate alle competenti Commissioni parlamentari per il loro vaglio, previsto dall’ultima legge di bilancio. I testi finali sono stati elaborati alla luce di questi passaggi e anche del confronto con le Consulte studentesche e con il Forum degli studenti, cui il ministro ha partecipato direttamente.  

Poche le novità rispetto alla bozza e alle ipotesi circolate nei mesi scorsi. La valutazione finale resta in centesimi. Al credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 50 punti. Per quanto riguarda le prove scritte, a quella di Italiano saranno attribuiti fino a 15 punti, alla seconda prova fino a 10, al colloquio fino a 25. Si potrà ottenere la lode. La partecipazione alle prove nazionali Invalsi, che pure saranno svolte, e lo svolgimento dei Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento non costituiranno requisito di
accesso alle prove. Per il colloquio, è prevista la possibilità della videoconferenza per i candidati impossibilitati a lasciare il proprio domicilio, condizione che però dovrà essere  ovviamente documentata.

LEGGI ANCHE:

Total
21
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Attacchi di panico prima di un'interrogazione per 6 studenti su 10 ma quasi nessuno si rivolge agli sportelli di aiuto psicologico a scuola

Next Article

Ucraina, il flash mob per la pace degli studenti del "Montalcini" di Roma

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident