Maturità 2019, simulazione Prima prova: tracce e temi

Ci siamo, è arrivato anche l’ultimo appuntamento con la simulazione della prima prova maturità 2019, ultima data in cui tutti gli studenti delle scuole superiori potranno confrontarsi con le tracce del Miur. La simulazione del 26 marzo è un’importante occasione che il Ministero ha fornito agli studenti per famigliarizzare con le novità della maturità 2019. Nel sito internet del Ministero dell’Istruzione è stata pubblicato l’aggiornamento sulle tracce disponibili a questo link.
 


Dopo una breve attesa le prove delle simulazioni sono finalmente raggiungibili alle ore 8:50. Per l’analisi del testo il Miur propone Eugenio Montale con L’agave sullo scoglio e Il fu Mattia Pascal di Pirandello. Per le tracce del testo argomentativo, invece, c’è un tema sull’intelligenza artificiale nella gestione della vita quotidiana e il made in Italy.
Gli studenti avranno 6 ore di tempo per concludere la traccia e ad aiutarli ci sarà solo il dizionario di italiano (e bilingue per gli studenti non madrelingua). Non è concesso usare il dizionario dei sinonimi e dei contrari ma alcuni prof potrebbero chiudere un occhio a riguardo.
Una delle tracce dell’analisi del testo chiede agli studenti di analizzare e interpretare un brano de Il Fu Mattia Pascal di Pirandello. Agli studenti il Miur chiede di analizzare il brano, trovarne le figure retoriche ed esplicitare i temi cari a Pirandello citati nello stralcio. Chiede inoltre di dare un’interpretazione della frase conclusiva:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stati Uniti, sei un asso nei videogames? Il college ti da una borsa di studio

Next Article

Umiliazioni e percosse a bimbi: sospeso maestro scuola materna

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".