Maschietti in tilt, belle donne al top

cervellomef.jpgSesso & cervello: un binomio affascinante e molto esplorato che non smette di fornire preziose informazioni per capire le dinamiche e spiegare i fenomeni. Una ricercatrice olandese ha scoperto perché le belle donne riescono a ottenere dagli uomini tutto ciò che vogliono ma anche perché, all’università, i ragazzi hanno voti più bassi delle loro coetanee: di fronte alla bellezza femminile, il cervello maschile va in tilt, i neuroni connettono a fatica e la capacità di pensare diminuisce notevolmente.
Quello che finora era un luogo comune, quindi, è stato dimostrato scientificamente da Johan Karremans, una psicologa dell’Università Radboud di Nijmegen, in Olanda. Karremans ha condotto lo studio su un gruppo di 110 studenti, 50 uomini e 60 donne, tutti molto attraenti. Dopo aver conversato con le studentesse, i ragazzi dovevano rispondere a domande d’esame, ma la ricercatrice ha constatato che nella maggior parte dei casi non erano affatto in grado di sostenere l’interrogazione.
Secondo il test, infatti, la facoltà degli uomini di pensare con chiarezza e lucidità si abbassava notevolmente sia durante la chiacchierata con le ragazze, sia nei minuti immediatamente successivi agli incontri. E il potere del gentil sesso sulla mente umana, ha raccontato la Karremans, può avere anche conseguenze estreme: come nel caso di un ragazzo, che dopo il test non era assolutamente in grado di pensare.
Da parte loro, invece, le donne non hanno mai ‘perso la testa’ durante gli incontri. Secondo la psicologa, lo studio dimostrerebbe perché gli uomini che frequentano l’università avrebbero voti più bassi rispetto alle donne.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità 2009 L'esame di Salvatore Sanzo

Next Article

L'Aquila, il rettore chiede spazi e attacca Bertolaso "pigliatutto"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".