Manifestazione continentale

La mobilitazione giovanile ha una forte valenza sociale e culturale, rappresentando così il termometro delle tensioni e contraddizioni di una nazione.

Dal 17 novembre, Giornata Internazionale degli studenti, le manifestazioni studentesche si sono rafforzate senza soluzione di continuità, in diversi paesi europei. La mobilitazione giovanile ha una forte valenza sociale e culturale.
Il premier liberale irlandese, Brian Cowen pochi giorni fa ha annunciato la decisione del governo di accettare gli aiuti finanziari del FMI (Fondo Monetario Internazionale) per affrontare la crisi che ha colpito il paese, manovra che comporterà drastiche misure economiche che comprenderanno tagli sul lavoro e sull’istruzione.
Gli studenti irlandesi si stanno preparando “a resistere”, a seguito delle proteste che si stanno diffondendo nel nostro paese, in Francia e in Inghilterra. In particolare a Londra, gli studenti protestano contro i piani di privatizzazione e dei notevoli aumenti alle tasse universitarie.
Nelle università inglesi di Oxford, Birmingham, Cardiff, e nell’University College di Lontda, numerosi studenti hanno organizzato sit- in notturni e diurni, per l’aumento di tasse di iscrizione da 3.000 a 9.000 sterline.
In Polonia gli studenti si mobilitano per la prevista introduzione delle tasse universitarie: l’istruzione a pagamento non è concepita come modalità di fruizione formativa. Le stesse scuole private polacche di alta formazione temono un forte decremento degli studenti a causa del calo demografico della popolazione e auspicano un considerevole flusso di studenti stranieri.
Alla luce delle mobilitazioni studentesche e sociali prevalentemente rivolte all’incremento della disoccupazione e al precariato lavorativo a livello europeo, la Confederazione Europea dei Sindacati ha convocato una grande manifestazione continentale che si svolgerà il 15 dicembre 2010.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università a lutto

Next Article

Gelmini su You Tube. La riforma è per gli studenti

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.