Malattie rare: 144 milioni per 26 progetti di ricerca

Schermata 2013-02-28 a 10.59.31

Uno stanziamento di 144 milioni di euro diretto a finanziare 26 progetti di ricerca sulle malattie rare e’ stato annunciato oggi dalla Commissione Ue. I progetti aiuteranno a migliorare la vita di circa 30 milioni di europei, in gran parte bambini, che soffrono di queste malattie. Nella ricerca sono coinvolti 300 partecipanti, di 29 paesi tra Ue e non. L’obiettivo e’ raggiungere una migliore comprensione delle malattie rare e trovare le terapie adeguate.

I 26 nuovi progetti coprono un ampio spettro di malattie rare: da quelle cardiovascolari a quelle metaboliche, fino ai disordini immunitari. I gruppi di ricerca lavoreranno su piu’ fronti. Tra le varie sfide, quello di elaborare un sistema di sostegno al fegato ”bioartificiale” per il trattamento di disfunzioni acute.

Ma si lavorera’ anche a imponenti analisi di dati per sviluppare nuovi strumenti di diagnostica, biomarkers e strategie di screening per ottenere agenti terapeutici contro le malattie renali; e si puntera’ anche allo sviluppo clinico di una medicina per trattare la ”alkaptonuria”, un disordine genetico che porta a precoci forme di artrite, malattie cardiache e disabilita’ al momento incurabili.

Molti dei nuovi progetti confluiscono nel Consorzio internazionale della ricerca sulle malattie rare. Si tratta dell’organismo voluto dalla Commissione Ue che riunisce enti governativi, ricercatori, associazioni di malati, membri dell’industria farmaceutica e professionisti del settore sanitario, con l’obiettivo di consegnare, entro il 2020, 200 nuove terapie per le malattie rare ed i mezzi per diagnosticarne la maggior parte.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Con i Grillini, in Parlamento il maggior numero di laureati

Next Article

Colpisce Harry Styles nelle parti intime, concerto interrotto

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"