Make change your business

“Responsabilità sociale e del territorio: sviluppo economico e sostenibilità aziendale”, seminario Aiesec.

Il comitato Aiesec dell’Università Parthenope di Napoli ha organizzato per questa mattina un seminario su “Responsabilità sociale e del territorio: sviluppo economico e sostenibilità aziendale”.

L’apertura dei lavori è fissata alle ore 11.00 presso l’aula grande dell’ateneo con un dibattito cui prenderanno parte alcuni esponenti del progetto studentesco Make Change Nea-Polis ovvero l’iniziativa sulla responsabilità sociale d’azienda che a Napoli assume una rilevanza maggiore rispetto alle altre città d’Italia. “Make Change Nea-Polis – ci ha spiegato il Presidente di Aiesec Parthenope Gianluca Radice – è nato partendo proprio dalla voglia di voler informare sulla responsabilità sociale e uscire da questa situazione. Nemmeno 1/4 delle aziende napoletane agisce con responsabilità sociale”.

L’associazione si occupa già diverso tempo di queste tematiche, non solo attraverso il coinvolgimento delle istituzione ma anche di giovani. “Da maggio abbiamo accolto 22 ragazzi provenienti da diverse nazioni: Brasile, Messico, Finlandia, Ecuador, Egitto, Ucraina, Russia, Svezia, Slovenia, Norvegia, USA, Romania, India, Polonia – ha continuato Gianluca – abbiamo svolto attività di case study partendo da alcuni punti come inquinamento, rifiuti, mobilità ma anche turismo”.

Insieme a Presidente Aiesec Parthenope prenderanno parte al seminario: Claudio Quintano, Rettore dell’ateneo; Sergio D’Angelo, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli; Ferdinando Flagiello, Amministratore delegato del Consorzio Promos; Gianpaolo Cesaretti, Preside della facoltà di economia; Attilio Montefusco, Direttore Consorzio Promos Ricerche – Responsabile Sportello RSI – Camera di Commercio di Napoli; Debora Scarpato, docente di organizzazione aziendale”.

“Credo che questa sia anche una buona opportunità per conoscere meglio la realtà Aiesec, l’associazione offre tantissime possibilità di scambio culturale e accrescimento personale” ha concluso Gianluca.

Per scaricare il programma clicca qui.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, agli Enti oltre 1,6 miliardo

Next Article

Napo, la banconota del Comune

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.