Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. “Mai indossarla sopra a una chirurgica”.

Mai conservarla in una busta di plastica, se proprio si ha necessità di riporla in tasca o in borsa, meglio avvolgerla nella carta o in un tessuto asciutto, anche se l’ideale sarebbe lasciarla all’aria aperta al riparo però da fonti di umidità. Sono questi i consigli degli esperti riguardo al corretto utilizzo della mascherina Ffp2, diventata in questa particolare fase della pandemia necessaria sia per utilizzare i mezzi pubblici sia per seguire le lezioni in classe.

“Sulle mascherine chirurgiche – ha spiegato all’AdnKronos Salute, Cristiana Boi, ingegnere chimico dell’università di Bologna, che si è occupata con il suo team, nei suoi studi, dei test per le mascherine chirurgiche e ha lavorato anche sulle Ffp2 – ma il discorso si può estendere anche alle Ffp2, abbiamo visto che funzionano bene fino a 40 ore, un numero pensato su una settimana lavorativa di 5 giorni per 8 ore. Non si deve trattare necessariamente di 40 ore di fila, però: se si utilizza un’ora al giorno per fare la spesa, si può tenere anche 15 giorni, a patto di conservarla bene. Questi dispositivi temono l’umidità. Quindi non vanno riposti in una bustina di plastica e lasciate là, meglio la carta o il tessuto. Ma l’ideale sarebbe appenderle in casa in un posto pulito”.

Secondo la ricercatrice la mascherina Ffp2 “protegge di più non per il materiale ma per la sua maggiore aderenza al volto. Per questo metterla sopra la chirurgica è assolutamente sbagliato. Meglio il contrario, che permette uno strato in più di filtrazione e protegge dalla sporcizia la Ffp2. È quello che gli americani chiamano ‘effetto Emmental’, riferendosi ai buchi del famoso formaggio: se metto più strati insieme, i buchi in posizioni diverse creano più ‘pieno’ e trattengo più particelle”.

Anche i ragazzi che vanno a scuola e che la indossano quando seguono le lezioni in classe, quindi, possono “tenerla una settimana, se si è certi che la tengono pulita”, puntualizza Boi. All’aperto, poi, “non è necessario usare la Ffp2. Il suggerimento è portare con sé i due tipi, utilizzando all’esterno la chirurgica, che permette di respirare più agevolmente, e quella Ffp2 quando si entra in un luogo chiuso”.

Total
31
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Vandalizzato il murale per Falcone e Borsellino vicino alla Sapienza. Gli studenti: "Un atto vergognoso"

Next Article

Cattaneo: "Human Technopole ignora la legge"

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.