Mafia, studenti denunciano assenza dello Stato

mafiacontro.pngQuasi 8 su 10, una proporzione che invita a riflettere. Il 79% degli studenti delle scuole superiori siciliane, su un campione intervistato dall’associazione Mafia Contro, sostiene di sentirsi «poco o nulla» protetto dallo Stato mentre chi paga il pizzo, per il 61% degli intervistati, è «una vittima», mentre per il 30% la mafia è «una sintesi tra esagerazione e invenzione».
Il sondaggio è stato effettuato su un campione rappresentativo di 1.642 studenti di Palermo, Catania e Trapani. Per il 68% il bullismo non ha nulla a che vedere con la goliardia e la mafia è un fenomeno prettamente criminale. Quasi un quarto del campione – il 24% – è convinto che la mafia sia “una risorsa o una tradizione”. Un dato da non sottovalutare e su cui le Istituzioni dovrebbero interrogarsi.
In controtendenza il dato che riguarda il bisogno di sicurezza percepito dai giovani. Il 77% ammette la presenza di fenomeni di bullismo nelle scuole e il 69% vorrebbe una maggiore vigilanza. Per arrivare al 79% di chi non si sente protetto a sufficienza dallo Stato.
“C’è una diffusa sfiducia dei giovani – dice Adriana Bongiorno, dirigente dell’Ipsia Medi – verso lo Stato e le Istituzioni. Sarebbe necessario dare vita a forme di collaborazione scuola-enti per diffondere nelle classi il messaggio che è vincente chi rispetta e difende le regole”.
“La lotta alla mafia passa anche attraverso una rivoluzione culturale: in questo è fondamentale il ruolo educativo svolto dalla scuola” sostiene in una nota Renato Campisi, portavoce di Mafia Contro. L’associazione, insieme al senatore Carlo Vizzini che ne è il presidente, promuoverà prossimamente un incontro con il ministro della Giustizia Angelino Alfano e con il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini per un’analisi approfondita sui risultati conclusivi emersi dall’indagine.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sanità e atenei, tra pubblico e privato

Next Article

"Siamo tutti ostaggi dell'odio"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.