Macerata – Docente spinge banco contro studentessa: due costole rotte

Docente aggredisce un’alunna di 12 anni, le sbatte un banco addosso causando la fratture di due costole e una distorsione al braccio. Succede a Tolentino, in provincia di Macerata, presso la scuola media Lucatelli: la ragazza è finita in ospedale e dopo le dovute cure è stata dimessa con una prognosi di 30 giorni. Per la docente, invece, che era già stata segnalata per simili episodi di violenza, arriveranno probabilmente pesanti provvedimenti disciplinari.
Secondo quanto ricostruito dalle testimonianze dei presenti, la professoressa di lingua straniera avrebbe reagito ad una provocazione della studentessa e dopo essersi avvicinata al banco dove sedeva la ragazza lo avrebbe spinto addosso alla giovane. Di qui le lesioni alle costole e al braccio. Ad avvertire le forze dell’ordine, che stanno ancora facendo chiarezza sull’accaduto, è stata la madre della ragazza.
Al momento l’istituto non ha rilasciato commenti, tuttavia, il comportamento aggressivo della docente di lingue straniere era già stato segnalato da altri alunni e genitori, tanto da portare la dirigente scolastica, Mara Amico a informare l’Ufficio scolastico regionale e a sancire la docente con un provvedimento di censura.
In seguito l’incidente in questione, avvenuto lo scorso 4 marzo, ma venuto alla luce solo oggi. Un clima di tensione che ha portato i compagni di classe della sfortunata studentessa a chiedere lo scorso sabato l’uscita anticipata da scuola per poter “sfuggire” all’ora di lingua straniera. Per la professoressa già in programma una convocazione presso l’Ufficio Scolastico Regionale per discutere le segnalazioni precedenti il 4 marzo, ma in cui dovrà anche spiegare le ragioni dietro il folle gesto che le sta costando gli “onori” della cronaca.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'esame di maturità? Come la finale di un talent show

Next Article

Province senza soldi Scuola a rischio collasso

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".