L'Università introduce la doppia carriera studente-atleta

Il 12 settembre 1979 Pietro Mennea poté prendere parte alla X edizione delle Universiadi, che si svolse a Città del Messico, perché studente di “Scienze politiche” all’Università La Sapienza di Roma. In quella gara, che Mennea vinse senza alcuna esitazione, il velocista originario di Barletta stabilì anche il record del mondo sulla distanza dei 200mt piani col tempo di 19secondi e 72centesimi: quel record resistette 17 anni. Ma rientrato a Roma, tra un ricevimento in suo onore e l’altro, Mennea fu esortato dai docenti a sostenere gli esami che ancora mancavano al completamento del piano di studio che lui stesso aveva composto. Un crudele controsenso, all’uomo più veloce del mondo veniva chiesto di mettersi al passo coi suoi colleghi.
In seguito Mennea non solo si rimise al passo dei colleghi, ma divenne l’atleta italiano in possesso del maggior numero di titoli accademici: quattro lauree. Questo aneddoto alla vigilia della XXVIII edizione delle Universiadi che si terrà a Gwangiu (Corea del Sud) dal 3 al 14 luglio prossimi, e dove si recheranno – tra i molti altri italiani impegnati in gara – anche gli studenti – atleti foggiani Francesco Bonsanto, Martina Criscio, Maristella Smiraglia e Veronica Erinnio.
Tra un esame e l’altro terranno certamente fede alle aspettative riposte su di loro, ma al tempo stesso la loro carriera universitaria va protetta dalle molte distrazioni (di natura agonistica) a cui potrebbe essere esposta. Questi quattro studenti – atleti, in Corea del Sud non rappresenteranno solo l’Università di Foggia e la Capitanata, ma la prova vivente del fatto che, al centro di un percorso studentesco o universitario, le ambizioni e i sogni sportivi possano e debbano essere coltivati parallelamente alla propria formazione.
L’Università di Foggia è il primo Ateneo d’Italia a introdurre questa innovazione all’interno della propria disciplina didattica, riconoscendo ufficialmente la cosiddetta “doppia carriera” degli studenti – atleti, gratificandone gli esiti agonistici più importanti con borse di studio, premi, esonero dal pagamento delle tasse universitarie e ulteriori benefici eventualmente attribuiti in sede di laurea.
L’iniziativa è stata presentata presso la sede Coni a Foggia.  Dopo l’Università di Foggia è abbastanza lecito attendersi che altri Atenei italiani adotteranno gli stessi provvedimenti. “Chi fa sportha spiegato nel corso del suo intervento il delegato alle Attività sportive dell’Università di Foggia, prof.ssa Donatella Curtotti dev’essere ritenuto un valore aggiunto. Sono stata un’atleta e studentessa io stessa, conosco sulla mia pelle i sacrifici che si fanno per coltivare quella che è la propria passione e al tempo stesso per non restare indietro con gli esami. Questo regolamento non semplifica la vita degli studenti rendendo il loro percorso più abbordabile e di conseguenza la loro preparazione più lacunosa, questo regolamento stabilisce che se uno studente, in una determinata cornice agonistica nazionale o internazionale, porta in alto il nome della propria Università e del proprio territorio, è giusto che riceva una gratificazione nei tempi e nei modi che abbiamo stabilito insieme a tutte le componenti che hanno collaborato alla stesura di questo provvedimento. L’Università di Foggia, questo è il suo merito maggiore, si è adeguata a delle linee guida dell’Unione Europea che ormai sono chiarissime e inequivocabili, e che vanno nella direzione del riconoscimento ufficiale della cosiddetta doppia carriera”.
Le linee guida del regolamento
Rispondendo all’invito espressamente rivolto dall’Unione Europea (Resolution of the Council and of the Representatives of the Governments of the Member States, meeting within the Council, of 21 May 2014 on the European Union Work Plan for Sport 2014-2017), il regolamento dell’Università di Foggia s’inquadra all’interno delle nuove politiche europee finalizzate ad implementare la cosiddetta “doppia carriera”: politiche che intendono conciliare l’alta performance sportiva con la formazione scolastica ed universitaria. Lo scopo è ottimizzare l’impegno sportivo dello studente – atleta non pregiudicandone il futuro lavorativo a cui sarà chiamato quando la carriera sportiva sarà conclusa.
L’exploit di UniFg, prima in Italia
Il regolamento ha ricevuto l’approvazione ufficiale da parte dell’Associazione Europea Atleta/Studente (EAS) – di cui l’Università di Foggia è stata la prima firmataria in Italia – che ne ha evidenziato “la perfetta aderenza alle linee guida europee sulla doppia carriera approvate nel 2012“. Il delegato del Comitato Coni Foggia, dott. Mimmo Di Molfetta, nel suo intervento ha parlato di ritardo culturale e non solo normativo, visto che quella appena introdotta dall’Università di Foggia è una norma, anzi una legge, che negli Stati Uniti vige già da molti anni. Una legge su cui si basa tutta la meritocrazia sportiva e didattica dei college, che come si fa sono le più grandi officine di campioni di tutto il mondo. L’Italia la importa con notevole ritardo, ma fa davvero molto piacere sapere che la prima Università a farlo è stata quella di Foggia. Un risultato davvero straordinario di cui, come delegato del Coni Foggia, vado orgoglioso perché finalmente individuiamo anche nel mondo accademico quella sensibilità che serve per cambiare, proprio da un punto di vista culturale, il sistema sport in Italia”. Molto soddisfatto anche il presidente del Cus Foggia dott. Claudio Amorese, che ha salutato l’approvazione di questo regolamento come “una svolta storica per le Università italiane, resa ancora più storica dal fatto che l’UniFg è la prima in Italia ad affrontare un tema così delicato ed a farlo con così tanto coraggio. Gli studenti – atleti negli Usa rappresentano un patrimonio, poco alla volta per fortuna anche il MIUR si sta rendendo conto che prescindere dallo sport e dalla qualità socio-culturale del suo messaggio sarebbe un grave errore”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I 10 uomini più ricchi al mondo (senza laurea)

Next Article

Riforma della scuola come un alunno andato male: rimandata a settembre

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".