L'Università di Perugia compie 700 anni

annullo.jpgSette secoli di esistenza. Sono tanti gli ‘anni’ che l’Università degli Studi di Perugia si prepara a festeggiare per l’8 settembre prossimo. Il momento è stato suggellato dalla creazione di un francobollo che, con tanto di effige di Papa Clemente V, ne ricorda l’istituzione risalente al 1308. Allora si chiamava Studium Generale. In seguito se ne parlerà come di un ateneo vero e proprio.
Nata in pieno oscurantismo medievale, l’Università di Perugia coglie così l’occasione per riaffermare il suo rapporto quasi simbiotico con il territorio, il ruolo nella ricerca, nella didattica e nell’educazione dei giovani.
A ricordare le radici profonde dell’università saranno, oltre al personale docente dell’ateneo, anche il Comune della Città di Perugia, la Provincia e la Regione.
Fra gli appuntamenti in calendario: il convegno internazionale dal titolo “Dall’Università delle Nationes all’Università per l’Europa”, aperto dal saluto di Francesco Bistoni, Rettore dell’Università, Maria Rita Lorenzetti, Presidente della Regione Umbria, Giulio Cozzari, Presidente della Provincia di Perugia, Renato Locchi, Sindaco del Comune di Perugia. E ancora la presentazione ufficiale del francobollo celebrativo, sfilata in costume medievale per le vie del centro ed esibizione degli sbandieratori.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Intervistatori telefonici per Atesia

Next Article

Stage nel web marketing a Roma

Related Posts
Leggi di più

Università, Messa: “Episodi concorsi isolati”

"La comunità scientifica è una comunità sana. Ha anticorpia sufficienza per reagire e autoregolarsi, ma deve misurarsi tra le altre cose con una realtà che fatica a trovare il giusto equilibrio tra trazione e innovazione, e a definire cosa caratterizzi il merito in maniera obiettiva, rendendo prossima allo zero l'ineludibile discrezionalità della scelta", parole della ministra Cristina Messa