L’Università di Camerino riavrà sette edifici storici distrutti dal terremoto del 2016

Terremoto Camerino

Quaranta milioni di euro per recuperare sette edifici storici dell’ateneo. A cinque anni dal sisma che ne compromise fortemente l’operatività, l’Università di Camerino riparte grazie a uno stanziamento di risorse che si andranno a concentrarsi sulla ricostruzione pubblica con i poteri in deroga, fortemente voluta dal commissario straordinario Giovanni Legnini, e resa possibile dal decreto Semplificazione 2020.

Nei giorni scorsi, di fronte al rettore Claudio Pettinari, è stata firmata l’ordinanza speciale da 40 milioni di euro che consentirà il recupero dei sette edifici storici dell’ateneo. Per la prima volta, come riporta il Corriere della Sera, si applicherà una disciplina innovativa delle deroghe mirate a eliminare le ragioni di lentezza della ricostruzione pubblica e si fornisce l’Università̀ di strutture di supporto per rafforzarne la capacità attuativa.

Un modello che nelle prossime settimane potrebbe essere replicato anche per i centri storici maggiormente colpiti durante la terribile scosse del 2016 a partire da Amatrice e da quello proprio di Camerino.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article
Chiara Ferragni

Chiara Ferragni colpisce ancora: entra in Tod's e fa volare il titolo in Borsa

Next Article

Sei milioni tornano in classe ma ritrovano un istituto su quattro a rischio ambientale

Related Posts