Luiss, scambio docenti e studenti con Pechino

L’Universita’ romana Luiss Guido Carli consolida la sua presenza in Cina sbarcando dopo Shangai anche a Pechino.

Nella capitale della Repubblica popolare asiatica, una delegazione di professori del dipartimento di Giurisprudenza, composta da Mario Nuzzo (Diritto civile), Attilio Zimatore (Diritto privato), Barbara De Donno (Diritto privato comparato) e Maurizio Bellacosa (Diritto penale), ha sottoscritto, per la prima volta, una convenzione con la Beijing Normal University la prestigiosa Universita’ Normale di Pechino, da piu’ parti riconosciuta fra le top-university cinesi e con alle spalle piu’ di cento anni di storia.

L’ateneo e’ famoso in tutto il Paese perche’ incrocia i passaggi cruciali della formazione accademica dell’intero Continente, con particolare attenzione alla cooperazione internazionale.

L’accordo firmato dai docenti della Luiss Guido Carli, novita’ assoluta per il dipartimento di Giurisprudenza, prevede l’attivazione di uno scambio di studenti e di docenti, lo svolgimento di progetti scientifici e l’avvio di dottorati e centri di ricerca comuni. Nei primi mesi del 2013 saranno definite le aree di interesse e i programmi di ricerca, cosi’ da essere in grado di approntare prima dell’estate un protocollo con i requisiti richiesti per l’attivazione degli scambi tra gli studenti dei due atenei.

La nascita della sinergia fa seguito, spiega una nota, all’invito rivolto un anno fa all’allora prorettore e ordinario di Diritto penale Paola Severino a svolgere una serie di incontri nell’Universita’ della capitale orientale.

L’accordo, firmato a margine di un seminario sulla tutela degli investitori finanziari in Italia che ha dato il via al programma di collaborazione, e a cui hanno partecipato il preside della Scuola di Giurisprudenza della Normale di Pechino Zhao Bing-Zhi e i rappresentanti dell’ambasciata a Pechino, conferma la naturale vocazione internazionale della Luiss, che sin dalla sua nascita ha sviluppato intese con le piu’ autorevoli universita’ straniere, europee ed extraeuropee.

Tra le convenzioni all’attivo, anche quella con la Fudan School of Management di Shanghai, che consente agli studenti dei corsi di laurea magistrale in inglese di conseguire una doppia laurea: in General Management, rilasciata dalla Luiss e il titolo cinese equivalente a un Master of Science in International Business.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La Bocconi ha un nuovo rettore

Next Article

Spiderman compie 50 anni, grande festa al parco della Musica

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale