L'Onda assedia Montecitorio

montecitorio.jpgSembrava un obiettivo fuori dalla loro portata, ma alla fine ce l’hanno fatta: l’assedio a Montecitorio c’è stato, gli studenti sono riusciti a portare la protesta fin sotto ai palazzi del potere. In mattinata si erano mossi tre diversi cortei con un’unica destinazione, concordata con la Questura: Piazza Navona. Strada facendo gli studenti, mentre le loro fila s’ingrossavano di ora in ora, hanno manifestato l’intenzione di arrivare a ridosso di Montecitorio e, un passo dopo l’altro, ce l’hanno fatta. Un’invasione pacifica: non si sono registrati sono stati scontri né violenze. L’Onda studentesca è riuscita nel proprio intento di bloccare la città: secondo gli organizzatori la partecipazione ha sfiorato le 300mila unità.
Sindacati a Piazza Navona. Intorno alle 14 ci sono stati i comizi conclusivi dei segretari generali della Flc-Cgil e della Uil Università, che hanno chiuso la manifestazione. Ma l’Onda non è arrivata a riempire la Piazza, preferendo disperdersi per le vie limitrofe: molti studenti sono arrivati vicinissimi al Senato, protetto da un cospicuo spiegamento di forze dell’ordine.
Studenti a Montecitorio. Davanti al palazzo della Camera sono arrivati alla spicciolata moltissimi studenti, il lato che dà su Piazza Colonna è bloccato da un plotone di agenti in tenuta antisommossa. I ragazzi, che protestano contro le politiche governative e contro i tagli a università e ricerca al grido di «università pubblica» rispondono «a chi ha detto che la democrazia è fatta di decisioni prese sopra le nostre teste o di tagli e finanziarie approvate in otto minuti, che questa è l’unica vera democrazia». Qualche fumogeno colorato mentre i cori invitano i parlamentari ad andare «a lavorare». «Ci bloccano il futuro – gridano ancora gli studenti – blocchiamo la città, è questa la risposta dell’università».
“Deputato, tagliati lo stipendio”. Dai manifestanti arriva anche qualche indicazione su come reperire risorse: «C’è una cosa che si può tagliare, lo stipendio del parlamentare». Anche oggi tra i vari cartelli messi in bella mostra dai manifestanti non manca l’effige del ministro Gelmini, questa volta raffigurata però con gambe incrociate e in atteggiamento di meditazione, con gli occhi socchiusi e sopra la scritta «La ricerca è vacuità». Non mancano poi i cartelli che rendono evidente l’incertezza e la preoccupazione per il futuro.
Goliardia napoletana. Protesta e ironia e anche una gigantesca ‘ola’ improvvisata lungo via Cavour, dai partecipanti alle manifestazioni sull’università. Moltissimi gli striscioni e i cori rivolti al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e al ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini. Pochi gli insulti ma tanta ironia: «Berlusconi se hai i capelli lo devi alla ricerca» e «Notizie Ansa: dispersa la Gelmini, ma mancano i soldi per la ricerca». Entrambi firmati dai ragazzi della facoltà di Scienze dell’Università Federico II di Napoli.
Manuel Massimo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tre giorni per celebrare la Costituzione

Next Article

La crisi arriva fino ad Harvard

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".