Lo sperma congelato e estratto dal testicolo aiuta le coppie infertili

sperma congelato aiuta la fecondazione

Lo sperma congelato aiuta le coppie infertili Lo sperma congelato estratto direttamente dal testicolo è un’opzione efficace per le coppie infertili. Lo dimostra una nuova ricerca condotta dalla School of Medicine della Washington University che ha scoperto che lo sperma congelato prelevato attraverso la biopsia dai testicoli di uomini senza spermatozoi nel liquido seminale è efficace quanto lo sperma fresco ricavato con lo stesso metodo nell’aiutare le coppie a concepire con la fecondazione in vitro.

La strategia offre il vantaggio di poter conservare lo sperma congelato e utilizzarlo secondo necessità. Opzione non prevista quando si punta sullo sperma fresco e la biopsia per il recupero degli spermatozoi deve essere fatta contemporaneamente o un giorno prima al prelievo degli ovociti dalla donna. I risultati, pubblicati sulla rivista ‘Plos One’, possono essere importanti per quegli uomini privi di spermatozoi nel liquido seminale per cause genetiche, diagnosi di cancro o insufficienza testicolare, pazienti che non hanno abbastanza sperma per avere figli propri attraverso la fecondazione in vitro senza essere sottoposti a biopsia.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il cervello risponde in maniera diversa a seconda della musica che si ascolta

Next Article

Come far diventare scuole e università agenzie per il lavoro

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.