L’Italia ha il primato delle scuole chiuse durante il Covid: 39 settimane contro le 12 della Francia

Siamo il Paese che ha interrotto (in tutto o in parte) le lezioni in presenza per più tempo: lo dice una ricerca dell’Unesco. Intanto c’è ottimismo sui livello dei contagi: “Partenza del nuovo anno scolastico non ha inciso”.

L’Italia è tra i Paesi europei che ha chiuso di più le scuole in epoca Covid. A certificarlo è l’Unesco che ha evidenziato come da settembre 2020 a giugno 2021 le aule delle scuole italiane siano state sbarrate (in tutto o in parte) per ben 39 settimane (pari merito con la Germania) contro le 12 della Francia e le 15 della Spagna.

Dati che la dicono lunga sulle ore di didattica in presenza all’interno delle nostre scuole che sono state perse lo scorso anno e che, per fortuna, al momento sembrano essere limitate nel nuovo anno scolastico visto che i dati sulle vaccinazioni stanno tenendo sotto controllo il livello dei contagi all’interno delle classi.

A confermarlo è anche Luca Richeldi, direttore UOC di Pneumologia della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma, che questa mattina intervenendo alla trasmissione “Agorà” su Rai Tre ha confermato come l’apertura delle scuole non abbia inciso in modo negativo sull’andamento dei contagi. “Più vaccinati ci sono e più siamo al sicuro. Alcuni paesi, come il Portogallo, ne hanno più di noi, ma la situazione vaccinale in Italia è buona: l’apertura della scuola è stato un evento ben gestito, che non ha portato a grandi incrementi di contagi, e sono partite le terze dosi per i pazienti più fragili e ultra 80enni. Le persone vaccinate ha la metà di probabilità di sviluppare il Long Covid e, se infette, a parità di carica virale, contagiano meno”.

Dati incoraggianti anche in vista della terza dose?  “È una prospettiva abbastanza concreta e probabile che di qui all’anno prossimo riusciremo a coprire tutta la popolazione con la terza dose, perché i dati sono incoraggianti. È, non solo sicura, ma efficace a ridurre ancora di più i tassi di ospedalizzazione” ha concluso.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Prof abbassa i voti di un suo alunno sul registro elettronico per punirlo: condannato per falso

Next Article

Green pass a scuola, il Ministero precisa: "Vietato chiedere dello stato vaccinale ai ragazzi under 12"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".