L'Istituto di Fisica Nucleare cerca borsisti con diploma

Per lavorare e formarsi all’Istituto nazionale di fisica nucleare basta il diploma. L’Infn eroga 10 borse di formazione tecnica, annuali e rinnovabili per un altro anno, per fare esperienza all’interno delle strutture dell’Istituto collaborando alle attività svolte dai laboratori.
L’Infn si occupa di ricerca scientifica nel campo della fisica subnucleare, nucleare e astroparticellare, e dello sviluppo tecnologico per realizzare gli esperimenti.
Sono tre i settori da cui devono provenire i candidati, e altrettanti sono le aree operative in cui saranno inseriti una volta superato l’esame, step indispensabile per accedere alla borsa.
Parliamo dei settori meccanico, elettronico e informatico. Per accedere alla selezione, i giovani devono essersi diplomati preferibilmente in un istituto tecnico. Ma se hanno le conoscenze richieste, possono provenire anche dal liceo. Unico requisito indispensabile oltre il titolo di studio, infatti, è solo un’anzianità di diploma superiore a cinque anni.
La selezione, invece, consiste nel superamento di un colloquio, in cui sarà verificata la preparazione dei ragazzi attraverso una serie di domande tecniche e l’esposizione di un argomento a piacere. Poi ci sarà la valutazione dei titoli di studio posseduti.
L’importo annuo delle borse è di 12.000 euro. A seconda dell’esito della formazione, il finanziamento potrà essere prolungato per un altro anno. Le domande di partecipazione al concorso vanno inviate entro il prossimo 31 ottobre.

Nel modulo bisogna indicare una sola tra le strutture di Infn in cui si vuole essere destinati e l’ambito lavorativo scelto per collaborare con la propria attività. Bando e modulistica sono disponibili sul sito web www.infn.it, nella sezione “Job opportunities”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un assistente alla contabilità per Symposia

Next Article

Laureati in Relazioni internazionali, a L'Aia

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.