LIFE per la salute: tre borse di studio per la ricerca medica

Continua il sostegno di Life verso la ricerca scientifica di Fondazione Umberto Veronesi e proprio in questi giorni, grazie all’azienda della frutta secca tra i principali players del mercato nazionale, sono state stanziate tre prestigiose borse di ricerca post-dottorato conferite a tre meritevoli ricercatrici: Benedetta Raspini, Patrizia Romani e Francesca Cappellini.
Per tutto il mese di ottobre, infatti, grazie all’iniziativa “Le Noci per la Ricerca” sono stati raccolti fondi utili a sostenere il progetto “Pink is Good” di Fondazione Umberto Veronesi, volto a finanziare borse di ricerca per la lotta contro i tumori femminili. Oggi sono state ufficializzate le destinatarie di queste prestigiose borse: Benedetta Raspini approfondirà presso l’Università degli Studi di Pavia, il legame tra gli stili di vita e la composizione del microbiota intestinale nel nascituro, promuovendo una visione di prevenzione delle malattie “intergenerazionale” tra madre e figlio; Patrizia Romani studierà, invece, le “cellule tumorali dormienti” presso l’Università degli Studi di Padova, per identificare nuovi bersagli terapeutici, utili a prevenire recidive e metastasi; Francesca Cappellini, infine, svilupperà presso l’Università degli Studi di Milano un progetto di ricerca dedicato alle antocianine, studiando gli effetti preventivi e antitumorali di questi pigmenti presenti nel mais rosso sul tumore al polmone e al seno.
Life rinnova così l’impegno nella lotta ai tumori femminili e all’importanza della prevenzione sostenendo Fondazione Umberto Veronesi con cui condivide la convinzione profonda dell’importanza della diffusione di stili di vita e abitudini alimentari sane. Obiettivo comune di Life e di Fondazione Umberto Veronesi è, infatti, la diffusione di una cultura alimentare sana e il sostegno alla ricerca scientifica d’avanguardia nel campo della nutrigenomica, la scienza che studia il rapporto tra gli alimenti e il nostro DNA, e della prevenzione delle malattie croniche. Proprio da questi comuni intenti Life, oltre all’iniziativa “Le Noci per la Ricerca”, ha sviluppato, sempre in collaborazione con Fondazione, un’intera gamma di prodotti totalmente dedicati al benessere quotidiano dell’organismo: la linea LifeStyle.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Balocco finanzia la ricerca scientifica contro i tumori al seno

Next Article

La tecnodipendenza riduce l'apprendimento degli studenti universitari e ne aumenta l'ansia

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".