L’evoluzione dell’appalto. Tavola rotonda alla Federico II

ingegneria1

L’evoluzione dell’appalto – Il ruolo del project manager nella gestione dell’appalto integrato complesso” è il titolo della tavola rotonda in programma martedì 14 maggio alle ore 16 nell’aula Scipione Bobbio della Facoltà di Ingegneria della Federico II.

L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Apotema, intende evidenziare il ruolo dei processi e delle metodologie di Project Management sia nella pianificazione e controllo della commessa sia nell’ambito delle relazioni tra i diversi Soggetti che interagiscono lungo la filiera della progettazione e realizzazione delle Opere Civili.

Nell’attuale contesto economico, la grande committenza pubblica sembra essere sempre meno attrezzata ad affrontare la gestione di processi edilizi complessi. Tale gestione richiede sempre più competenze professionali in grado di assicurare la completa gestione dell’intervento ed il raggiungimento del risultato, attraverso la contrazione dei costi e dei tempi e la valorizzazione della qualità finale dell’opera.
La tavola rotonda vuole essere dunque un momento di incontro tra figure tecniche (project manager), esponenti del mondo scientifico e della formazione (l’accademia), rappresentanti istituzionali, quale l’assessore Regionale ai Lavori Pubblici Edoardo Cosenza, e le associazioni di categoria (Ordine degli Ingegneri di Napoli e OICE), con la finalità di discutere e riflettere sulle esigenze richieste da un mercato sempre più complesso come quello che sta vivendo il mondo degli appalti e sulla necessità di sviluppare competenze sempre più adeguate al contesto economico di riferimento.

Significativa è inoltre la presenza dei presidenti dei gruppi giovani di ACEN e Unione Industriali di Napoli, a testimonianza della sfida dei giovani professionisti a rinnovarsi e ad innovare un mondo a volte ancora troppo legato a metodi e strumenti ormai obsoleti.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il corso di studi di Ingegneria Gestionale dei Progetti e delle Infrastrutture diretto dal prof. Capaldo e con il patrocinio dell’Unione Industriali di Napoli, dell’ACEN dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli, dell’OICE – associazione delle organizzazioni italiane di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica, de Il Denaro e del LUPT – centro Interdipartimentale di Ricerca della Federico II.

Ad introdurre la giornata il presidente dell’associazione Apotema, Vittorio Piccolo e il prof. Pierluigi Rippa, docente di Economia ed Organizzazione Aziendale. Qui il programma completo.

Al termine dell’iniziativa è previsto il rilascio di un attestato di partecipazione.

Tutte le info, il programma e la modalità di iscrizione sono sul sito dell’associazione:
www.associazioneapotema.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNSU, si parte. La campagna di CorriereUniv

Next Article

Sparatoria a New Orleans, 19 feriti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.