Leggins inappropriati per volare. Ragazze bloccate all'imbarco

“Col termine in inglese leggings o pantacollant si intende comunemente un tipo di indumento aderente, indossato sulle gambe. Possono essere usati come calze, pantaloni e/o come indumento sportivo, in base alla composizione dei tessuti possono essere estivi e di conseguenza più leggeri o invernali e saranno dunque più pesanti.” Cosi wikipedia definisce l’indumendo tanto discusso quanto utilizzato.
Vietato imbarcarsi con i leggings. La decisione della United Airlines scandalizza Twitter.
Abbigliamento troppo succinto, questa la critica che ha coinvolto tre studentesse che stavano per imbarcarsi su un volo della nota compagnia United Airlines. Le tre ragazzine sono state bloccate al gate e sono state bandite dal volo proprio a causa dei loro leggings.
Ad una sola delle tre è stato permessso accedere all’aeromobile dopo essersi cambiata. Le due amiche invece non avevano abiti alternativi nel bagaglio a mano e non è stato permesso loro di proseguire il viaggio.
Sui social si è scatenata una pioggia di commenti negativi rispetto alla decisione della United Airlines, che alla fine è stata costretta a dare una spiegazione ufficiale sulla questione.
Ciò che non andava era il loro abbigliamento. Troppo attillato e non conforme alla policy aziendale su dress code. Le ragazze erano infatti «Pass Riders» ovvero parenti di dipendenti della compagnia aerea. E per questo devono seguire la policy prevista sul dress code.
Il regolamento, spiegato dal portavoce della United Airlines, prevede che chi viaggia con «special pass» non può indossare abiti da cui traspaiano biancheria intima o costumi, minigonne e short che arrivino a meno di 7,5 centimetri dal ginocchio.
“Per tutti i nostri clienti regolari, i vostri leggings sono i benvenuti” rassicura il portavoce.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Genitori informati e consapevoli: open day Università LIUC

Next Article

Pesce scorpione avvistato in Sicilia, pericolo per l'uomo

Related Posts
Leggi di più

Film horror in una scuola media: studenti svenuti

È accaduto in una scuola di Cremona durante una supplenza. Proiettata la pellicola "Terrifier" vietata ai minori: gli alunni più sensibili hanno accusato malori e nausea. Lettera di protesta inviata al preside