Legge di stabilità, durissimo attacco degli studenti: “E’ un assassinio all’Università”

alberto campailla

“La Legge di Stabilità varata dal Governo Renzi, oltre a prendere di mira il welfare ed i servizi essenziali, rischia di mettere a serio rischio la sopravvivenza dei nostri atenei e dell’offerta formativa dei nostri corsi di laurea” – così il comunicato ufficiale di Link-Coordinamento Universitario, che attacca l’operato del governo con toni durissimi. 

“L’art.28 della bozza di disegno di Legge di stabilità prevede dei tagli per centinaia di milioni di euro su spese e servizi relativi al Fondo Finanziamento Ordinario ed il Fondo Ordinario Enti di Ricerca a cui vanno aggiunti 18,8 milioni di euro di decurtazione del Fondo per gli anni 2015 e 2016 previsti dal Decreto Irpef ed i 170 milioni di tagli già previsti per il 2015 e consapevolmente non abrogati. Il combinato disposto di questi provvedimenti metterà in seria difficoltà i nostri atenei infatti ben 287,5 sono i milioni di euro di tagli previsti per il 2015″ – continuano gli studenti.

“E’ un assassinio all’Università e di un’intera generazione che verrà di fatto esclusa dai più alti gradi della formazione universitaria– dichiara Alberto Campailla, Portavoce Nazionale di LINK- Coordinamento Universitario-  in questo la coppia Renzi-Giannini continua ad essere in perfetta continuità con tutti i Governi che si sono succeduti negli ultimi anni, provando addirittura a strappare il secondo posto al duo Monti-Profumo (- 300 mln di euro di tagli al F.F.O.) tra i Governi che maggiormente hanno affamato il sistema universitario nazionale.”

“Chiediamo subito il ritiro dei tagli previsti in Legge di Stabilità ed un finanziamento complessivo sull’Università altrimenti– conclude Campailla- siamo pronti a tornare a mobilitarci negli atenei e nelle città di tutto il paese a partire dalla manifestazione nazionale della Cgil del 25 ottobre”- concludono gli studenti. 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bicocca, ecco on line i voti degli studenti ai prof

Next Article

L'autopsia virtuale conferma: ecco il volto di Tutankhamon

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".