“Le mie richieste nel pizzino virtuale”: così parlava la banda dei baroni

banda dei baroni

 

Banda dei baroni nelle Università – La Procura di Bari ha chiuso il primo filone di indagini sul malaffare del sistema universitario italiano: trentotto indagati e due associazioni a delinquere nell’inchiesta che ha portato alla luce una fitta rete di raccomandazioni e favori nell’assegnazione di posti da professori ordinari negli Atenei di tutto il Paese. Pubblicate anche le prime intercettazioni telefoniche.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/05/06SIF2019.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Arriva il nuovo concorso docenti 2015: ma ce n'è davvero bisogno?

Next Article

Contratti a termine: via quote e tetti per i ricercatori

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.