Lavoro, Bofrost cerca personale in tutta Italia: 300 posizioni aperte per addetti alla vendita di prodotti alimentari a domicilio

Le figure cercate sono venditori, che visiteranno i clienti a bordo dei mezzi refrigerati, e promoter con il compito di ampliare il numero di famiglie clienti. Dopo il boom di richieste di spese a domicilio, l’azienda si prepara ad un ulteriore incremento per la stagione estiva

Bofrost Italia,la più importante azienda italiana della vendita a domicilio di specialità alimentari surgelate e fresche, è alla ricerca di 300 persone per ampliare il proprio organico. L’azienda prevede di inserire due tipi di figure: venditori (assunti con CCNL Commercio), che a bordo dei mezzi refrigerati visiteranno a domicilio i propri clienti fidelizzati e nuovi, per poterli assistere nella scelta dei loro prodotti preferiti; e promoter commerciali (incaricati alla vendita), che avranno il compito di occuparsi della promozione dei prodotti e dei servizi Bofrost. Requisiti per entrambe le figure: buona capacità di relazione e predisposizione a lavorare per obiettivi.

La ricerca riguarda tutte le filiali italiane di Bofrost: gli annunci di lavoro presso le diverse unità locali e per le diverse posizioni sono consultabili alla pagina dedicata alle carriere sul sito www.bofrost.it, dove è possibile candidarsi inserendo i propri dati e il CV.

Bofrost Italia è una realtà solida e dinamica, protagonista negli ultimi anni di una crescita costante e che con i suoi prodotti serve nel nostro Paese 1,2 milioni di famiglie. Questo numero nell’ultimo periodo è cresciuto grazie alla crescita della domanda della spesa a domicilio (+160% per il settore nel solo mese di aprile secondo il rapporto ISMEA): una tendenza, questa, che Bofrost prevede si consoliderà anche nella stagione estiva.

«Gli ultimi mesi hanno portato Bofrost a essere conosciuta e apprezzata da moltissimi nuovi clienti per un servizio che si è rivelato essenziale, quello della consegna di alimentari a casa in tutta sicurezza – spiega l’amministratore delegato Gianluca Tesolin –. Anche nella “fase 2” il nostro resterà un servizio estremamente richiesto e ci stiamo preparando a sostenere la forte domanda nel periodo estivo con l’inserimento di nuovi addetti. E se dopo l’estate, come crediamo, la spesa a domicilio sarà entrata stabilmente nelle abitudini degli italiani, i nuovi inserimenti potranno essere stabilizzati».

La chiave del successo di Bofrost è la relazione che si crea tra i clienti e i venditori, ai quali sono messi a disposizione i migliori strumenti per svolgere il proprio lavoro. L’azienda propone una gamma di prodotti sempre in evoluzione con proposte senza glutine, vegetariane e vegane, alimenti per l’infanzia, il catalogo bio e la sempre più ricca linea di prodotti freschi e specialità di gastronomia “L’Antica Magnolia”. La forza vendita utilizza strumenti digitali avanzati e app dedicate per gestire al meglio gli ordini e la relazione con il cliente e beneficia di formazione qualificata con affiancamento, training e aggiornamento continuo. In questo periodo particolare, inoltre, tutti gli addetti sono dotati dei dispositivi di protezione previsti e ricevono una specifica formazione sulle misure di sicurezza.

Al proprio personale Bofrost offre concrete possibilità di crescita professionale, oltre a misure di welfare aziendale (l’azienda è stata premiata Welfarevolution Award 2019 di Edenred).

bofrost* Italia – È la più importante azienda italiana della vendita diretta a domicilio di specialità alimentari surgelate senza nessuna interruzione della catena del freddo. Vi lavorano 2.400 persone in tutta Italia. Le sede centrale si trova a San Vito al Tagliamento (PN). A oggi, sono oltre un milione le famiglie italiane che apprezzano e conoscono i prodotti di bofrost* Italia. La qualità, il gusto e un eccellente servizio rappresentano i fattori di successo di questa azienda. www.bofrost.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, riduzione delle tasse e aumento borse di studio. Manfredi: "nel dl rilancio, fino a un miliardo e 400 milioni per atenei e ricerca".

Next Article

Lo Spettacolo riparte da Virtual Stage il palco online degli artisti

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.