Lavori del futuro in Italia con il Recovery Plan

I fondi dell’Europa erogati per finanziare il Pnrr, il Piano nazione di ripresa e resilienza per far ripartire l’Italia dopo la crisi della pandemia di Covid, dovrebbe creare 90 mila nuovi lavori entro il 2023. Le parole d’ordine sono digitalizzazione, innovazione e sostenibilità, per la creazione di un ambiente che favorisca la permanenza dei cervelli nel nostro Paese.

Feltrinelli Education, analizzando i report della Fondazione per la Sussidiarietà e Unioncamere, prevede che saranno otto i settori che potrebbero creare la maggior parte dei posti di lavoro nei prossimi anni. Si tratta di energia, trasporto e mobilità sostenibili, ambiente, bioeconomia, telecomunicazioni e servizi digitali, ricerca e sviluppo, turismo, economia sociale.

I nuovi assunti grazie al Recovery plan saranno esperti di ingegneria gestionale, tecnici informatici e della gestione dei processi produttivi di beni e servizi. Tanti posti di lavoro, inoltre, saranno creati per figure legate alle costruzioni, alla produzione industriale e alla ripartenza della filiera turistica, come addetti all’accoglienza e alla ristorazione.

Lavori del futuro

Tra i lavori richiesti ci sono il manager della transizione digitale e il manager della sostenibilità. I primi dovranno far dialogare tra loro i diversi comparti per creare un Pubblica amministrazione dagli alti standard tecnici, digitali e qualitativi. Gli altri saranno invece responsabili delle politiche ambientali delle Pmi e delle grandi aziende, riducendone l’impatto e i consumi, e rendendole sostenibili.

Gli ingegneri energetici dovranno invece occuparsi di progettare e gestire gli impianti, e della creazione di strutture a minimo impatto ambientale in particolare in ambito industriale, civile, agricolo e della mobilità. Sempre in tema green è prevista una maggiore diffusione della figura dell’educatore ambientale, un docente che promuove il consumo sostenibile attraverso percorsi di formazione e scolastici.

La maggiore frequenza degli attacchi informatici rende necessario a tutte le aziende dotarsi di esperti di cyber security, per tutelare i sistemi dalle invasioni esterne. Gli esperti di sicurezza digitale titolati sono tra le figure più pagate al mondo, considerando che proteggono uno dei beni più prezioso dell’era informatica, cioè i dati. Sempre più comune la professione del data scientist, un esperto in grado di analizzare i dati per ricavare informazioni utili agli obiettivi di aziende e organizzazioni.

Total
37
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I presidi lanciano l'allarme: "Servono regole uniche per le quarantene, altrimenti si rischia il caos in classe"

Next Article

JezuzJrr re degli sparatutto. Il ragazzo italiano che ha vinto giocando a Warzone

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.