Lavorare in Canada, nelle risorse umane si può

La multinazionale Cargill per la sede di Guelph (Canada) è alla ricerca di un Human Resources Generalist, un operatore delle Risorse Umane. Il candidato opererà presso lo stabilimento di Dunlop nel dipartimento Risorse umane e si occuperà degli orari, stipendi e relazioni dei dipendenti; dei processi di selezione e della comunicazione interna. Contratto iniziale di 6 mesi.
Requisiti: laurea triennale in Risorse Umane o titolo affine; minimo 3 anni di esperienza nelle RU in aziende di medie o grandi dimensioni; multitasking e capacità di lavorare sia in autonomia che in gruppo.
Per maggiori informazioni e per inviare la propria candidatura: https://cargill.taleo.net/careersection/2/jobdetail.ftl?lang=en&job=GUE00410&src=JB-11960

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di mercoledì 12 ottobre

Next Article

Nanotecnologia: dottorato al Fullen Technologies

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.