Lavorare alle Terme posti in Toscana

Ottime opportunità per un posto nel settore ricevimento e ospitalità. La Stb, Società Terme e Benessere Toscana, che gestisce anche le Terme di Pisa, ricerca personale da impiegare nella struttura termale pisana.
I profili disponibili sono due: il segretario di ricevimento e cassa oppure il guest assistant. Il primo dovrà avere tra i 24 e i 30 anni, con buona cultura generale e un’esperienza precedente in alberghi o strutture analoghe. Il candidato dovrà inoltre conoscere molto bene la lingua inglese e almeno un’altra lingua straniera possibilmente tedesco o francese, oltre che saper usare il pc, e possibilmente il software gestionale “Hotel3”.
Per quanto riguarda il guest assistant, invece, i requisiti richiesti sono età compresa tra i 24 e i 30 anni, ottima dialettica e buona cultura generale, cordialità, portamento ed eleganza oltre che la capacità di relazionarsi con ospiti esigenti e di provenienza internazionale.
È fondamentale, dunque, l’eccellente conoscenza della lingua inglese e di un’altra lingua straniera. Costituisce titolo preferenziale un’esperienza di lavoro in un hotel di lusso. Il trattamento economico sarà definito in base alle esperienze e alle capacità del candidato.
Il curriculum con foto e autorizzazione al trattamento dei dati personali va inviato all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il microcredito sale in cattedra

Next Article

Una neolaureata da record

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.