L'auto del futuro di scena a Bologna

autoelettrica.jpgLa crisi del mercato automotive sta imponendo un cambiamento di paradigma in tutto il mondo, tanto che per risollevare le sorti del settore bisognerà puntare con decisione su innovazione & tecnologia. Per questo l’automobile del futuro dovrà essere un mezzo di trasporto non inquinante e dai consumi drasticamente ridotti rispetto a quelli attuali: un’auto elettrica.
Ma prima di arrivare a veicoli alimentati del tutto elettricamente, si dovrebbe puntare su motori ibridi, che uniscano la possibilità di sfruttare combustibili fossili con quella di utilizzare energia elettrica. Come progettarli e realizzarli, a partire dalle tecnologie più innovative attualmente disponibili?
Di questo – e di molto altro – si parlerà con l’ingegner Giovanni Cipolla, direttore di General Motors Powertrain Europe, al seminario organizzato da Spinner in collaborazione con la facoltà d’Ingegneria dell’Università di Bologna e il Diem (Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche Nucleari Areonautiche e di Metallurgia), dal titolo ‘Verso l’elettrificazione dei propulsori dell’autoveicolo’.
Il seminario si terrà domani, venerdì 20 febbraio, a partire dalle ore 9 nell’Aula Magna della Facoltà di Ingegneria e fa parte di un ciclo di eventi di informazione e approfondimento sui temi dell’innovazione e della conoscenza, organizzati dell’ambito del programma ‘Spinner 2013, una sovvenzione Globale per la qualificazione delle risorse umane negli ambiti della ricerca e dell’innovazione tecnologica’. Il programma Spinner 2013 è gestito dal consorzio Spinner, costituito da Aster, Fondazione Alma Mater e Invitalia.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Accademia di Napoli: riapre la Biblioteca

Next Article

Linea Sistemi ricerca 2 assistenti

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".