Lauree magistrali, il 13 settembre la prova d’accesso per Scienze della Formazione primaria, il 25 ottobre Professioni sanitarie

Sono stati pubblicati sul sito del MIUR i decreti relativi alle modalità di svolgimento e alle caratteristiche delle prove d’accesso per il corso di Laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria e ai corsi di Laurea magistrale delle Professioni sanitarie per l’Anno Accademico 2019/2020.
La prova di ammissione in Scienze della Formazione primaria si svolgerà presso ciascuna sede universitaria il 13 settembre 2019 alle ore 11.00. La prova prevede un tempo di 150 minuti e consiste nella soluzione di 80 quesiti che presentano quattro opzioni di risposta tra cui il candidato dovrà scegliere. Sono previsti: 40 quesiti  su competenza linguistica e ragionamento logico; 20 quesiti su cultura letteraria, storico-sociale e geografica; 20 quesiti su cultura matematico-scientifica.
Da quest’anno, i laureati in Scienze dell’Educazione e della Formazione in possesso dei requisiti previsti dal D.M. n. 378 del 9 maggio 2018, sono ammessi, previo superamento della prova, nonché previa verifica dei requisiti da parte degli atenei sulla base dei contenuti dei programmi d’esame, al terzo anno del Corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria.
La prova di ammissione ai corsi di Laurea magistrale delle Professioni sanitarie si svolgerà presso ciascuna sede universitaria il 25 ottobre 2019 dalle ore 11.00. La prova prevede un tempo di due ore e consiste nella soluzione di 80 quesiti che presentano cinque opzioni di risposta, tra cui il candidato dovrà scegliere, su: teoria/pratica pertinente alle Professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea magistrale d’interesse; cultura generale e ragionamento logico; regolamentazione dell’esercizio delle Professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea magistrale d’interesse e legislazione sanitaria; cultura scientifico-matematica, statistica, informatica e inglese; scienze umane e sociali.
Sono previsti: 32 quesiti per l’argomento di teoria/pratica pertinente all’esercizio delle Professioni sanitarie ricomprese nella classe di laurea magistrale d’interesse; 18 quesiti per l’argomento di cultura generale e ragionamento logico; 10 quesiti per ciascuno dei restanti argomenti.
Decreto Scienze della Formazione primaria
Decreto Professioni sanitarie

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Mimmo Lucano alla Sapienza. Questore vieta manifestazione di Forza Nuova

Next Article

Maturità 2019, che cos'è il documento del 15 maggio?

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.