L’audit interno nei motori

Schermata 2013-04-02 a 09.38.00

La compagnia francese Norauto cerca un o/a stagiaire in ambito economico tra Moncalieri e il centro/nord.

Norauto è la catena francese specializzata in riparazione di automobili e accessori. Non tutti coloro che vi lavorano, però, debbono intendersi di cavalli o pistoni. Se nel vostro iter universitario c’è una laurea specialistica (cinque anni) appena conseguita o in corso di ottenimento in ambito economico potete ambire allo Stage Audit Interno.

Laureandi o laureati in discipline come economia e commercio, economia aziendale o scuola di amministrazione aziendale avranno l’opportunità di lavorare nei diversi punti vendita verificando il grado di applicazione delle procedure interne, finalizzate alla copertura dei rischi aziendali.

Sarà necessario interagire con i diversi direttori regionali per cui è richiesta la disponibilità a trasferte. La sede centrale sarà quella di Moncalieri (TO) ma ci si sposterà nei punti vendita nel centro-nord Italia.

Lo/a stagiarie sarà impiegato/a in modalità full time per tre mesi con compenso e rimborso delle spese dei trasferimenti (mezzi di trasporto, alberghi, pasti).

Cliccate qui per rispondere all’inserzione:

https://www.norauto.it/lavora.php

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tubercolosi a scuola, insegnante contagia 15 alunni

Next Article

Scuola sconosciuta al fisco. Sottratti ricavi per 620mila euro

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.