l'Ansia e la sua architettura

L’ansia ha diversi punti di osservazione:
Psicoanalitico – conscio  inconscio  pulsioni.  Conflitto tra pulsioni dell’individuo e costrizioni della società. L’uomo diventa nevrotico perché incapace di sopportare il peso della frustrazione impostogli dalla società.   senso di colpa -> ansia  ->  nevrosi
Sociologico – mondo intriso di ansia, nucleare, inquinamento, terrorismo, ansia da precarizzazione
Medico – affrontare una diagnosi e trovare una soluzione farmacologica che agisce sugli effetti, impedendo al paziente di elaborare un suo sistema di difesa
Psicobiologico – ansia come attivazione, carica psicologica e organica che fa affrontare i problemi quotidiani con la grinta necessaria;  ansia nevrotica come tensione apprensiva, irrequietezza che nasce da un pericolo imminente;   ansia come iperattivazione mentale e somatica, simile alla paura ma in assenza di un pericolo chiaro
Tracciando una mappa dei diversi approcci all’ansia occorre poi valutare cosa puo’ portare ad essere ansiosi. Riconoscere e quantificare il peso di eventi stressanti ci aiuta ad attivare strategie per affrontarli. Infatti è stata costruita una scala in cui viene dato un peso agli eventi stressanti più comuni.
La valutazione oggettiva di un evento stressante ci permette di autovalutarci e attivare le risorse personali per dissolvere lo stress utilizzando strategie emotive, cognitive e stili comportamentali.  Strategie utili sono il focalizzarsi sulla sorgente che causa lo stress per alleviare lo stimolo e anche focalizzarsi sui sintomi che lo stress ci produce così regolando le emozioni si riduce lo stress. Stili comportamentali utili sono evitare lo stress distraendosi mentalmente ed emozionalmente e anche affrontare  lo stress e correggere le ragioni che chi producono stress.
Tutti siamo soggetti ad ansia. Tutti dovremmo imparare a conoscere l’ansia, inquadrarla e prevenirla o affrontarla per trasformarla in energia positiva.  Per arrivare ad avere l’ansia come ombra dell’intelligenza in uno stato di massima efficienza e soddisfazione e lo stress come il sale della vita!
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#NoPanic

Next Article

La rassegna stampa di venerdì 12 maggio

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"