L’altra faccia del ’68, la rivolta vista dai prof

68.jpgIl ’68 è passato alla storia come l’anno della rivoluzione studentesca, l’anno del sovvertimento delle imposizioni, della rivincita di una classe – quella dei giovani – che, andando contro il governo e contro le tradizioni si è ribellata a un sistema che propugnava una cultura della mediocrità.
Si parla sempre di ’68 in relazione agli studenti gettando un’ombra contro i docenti che allora erano considerati “cooperatori” del governo e, pertanto, oggetto anche loro di protesta. È stato presentato ieri, presso la Biblioteca Laziale a Roma, un testo, in due volumi, che racconta e raccoglie l’altra faccia del ‘68 ovvero le opinioni, i racconti, i ricordi e le impressioni dei professori che in quell’epoca insegnavano all’università Sapienza.
Il testo, il cui titolo è “Un altro ‘68”, è stato scritto da Francesca Socrate, professoressa e scrittrice. Alla presentazione ufficiale di ieri erano presenti alcuni docenti da lei intervistati come Tullio De Muro e Vittorio Vidotto.
Divertente e commovente è stato l’intervento di Tullio De Mauro che ha esordito subito con una battuta sull’età degli intervistati: “Siamo quasi un’associazione combattenti e reduci”. Poi il professore ha ricordato il 1968 come un evento che ha spiazzato le coscienze comuni, che ha portato “l’inatteso” e il ricordo di quell’anno lo ha portato a ricostruire le motivazioni che hanno portato alla rivoluzione, le cause del movimento che ha preso fuoco nelle università inaspettatamente e velocissimamente.
Nel racconto di De Mauro non sono mancati gli aneddoti di quegli anni: “Questa borsa che porto sempre con me – ha raccontato il professore mostrando agli uditori una cartella di pelle consumata – mi ricorda un convegno avvenuto nella primavera del ’69 in cui un gruppo di operai Olivetti riuscirono a fermare un convegno di proporzioni mondiali con un picchetto davanti al palazzo”; dopo una breve pausa De Mauro guarda la sala econtinua: “In quegli anni c’era l’idea di poter fare cose grandi, cose impensabili prima: fermare un convegno mondiale, come mettere in crisi un parlamento per chiedere una università migliore”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

50 Operatori Call Center in Campania

Next Article

L’amore è “fantastico" al Fantareale Slam

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.