L’allarme di studenti e rettori: Laziodisu rischia il commissariamento

I Rettori e gli studenti facenti parte del Coordinamento Regionale delle Università del Lazio stanno manifestano la loro viva preoccupazione per le insistenti voci di un commissariamento dell’Ente regionale per il diritto allo studio Laziodisu e esprimono la loro netta e profonda contrarietà ad una simile ipotesi.

I Rettori e gli studenti facenti parte del Coordinamento Regionale delle Università del Lazio stanno manifestano la loro viva preoccupazione per le insistenti voci di un commissariamento dell’Ente regionale per il diritto allo studio Laziodisu e esprimono la loro netta e profonda contrarietà ad una simile ipotesi.

“L’attuale Governo regionale – sottolineano – ha brillato per l’assenza totale di una linea di politica per il sostegno del sistema universitario del Lazio e per la garanzia del diritto allo studio di oltre 250.000 studenti, lasciando anche inevasi gli impegni presi per centinaia di contratti a giovani ricercatori”.

“I componenti del CRUL – continuano – diffidano il Governo della Regione dall’utilizzare le avvenute dimissioni del Presidente dell’Ente come un pretesto per cancellare l’intero Consiglio di Amministrazione e con esso le rappresentanze degli Atenei e della componente studentesca legittimamente eletta”.

Per questo sia i rettori che gli studenti ritengono che l’unica strada percorribile sia “quella del proseguimento del lavoro proficuo finora svolto dal Consiglio in carica, perché un eventuale commissariamento, attuato per di più in un momento politicamente ed economicamente tanto delicato, si presenterebbe come un inaccettabile e antidemocratico tentativo di espungere la scomoda presenza delle università da un settore – borse di studio, residenze, mense, servizi ai diversamente abili – decisivo per le famiglie di tanti giovani che trovano enormi difficoltà nell’attuale momento di crisi del paese”.

 

 

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pizza Obama, così Napoli festeggia il presidente

Next Article

Le nuove missioni di Obama secondo l'esperto

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.